Extension delle ciglia vs. laminazione delle ciglia: quali sono le differenze e quale scegliere?

Tutti i vantaggi dell'una e dell'altra tecnica, con tempi, costi ed eventuali controindicazioni

Extension-delle-ciglia-vs.-laminazione-delle-ciglia
INDICE

Extension e laminazione sono fra le tecniche più apprezzate per il trattamento estetico delle ciglia. In maniera diversa, permettono infatti di migliorare l’aspetto dell’occhio, definendone i contorni e restituendone un’immagine più aperta e profonda.

L’importanza di avere ciglia lunghe e folte è ormai profondamente radicata nella nostra società: la moda, così come le piattaforme social – in particolare per mezzo delle influencer – contribuiscono pesantemente ad alimentare questa necessità, proponendo look realizzabili solo con l’aiuto delle tecniche che abbiamo citato.

È pur vero che, scientificamente parlando, l’aspetto di ciglia e sopracciglia risulta determinante nel conferire al viso un’aria più giovane e luminosa. Tratti e colori in evidente contrasto sono infatti tipici dell’età giovanile: da qui prende il via l’attuale tendenza ad avere sopracciglia assai folte, per esempio, con la conseguente nascita di soluzioni ad hoc, come la laminazione o il microblading. Questo, ovviamente, a patto che l’effetto finale non sia esteticamente artificioso.

Laminazione ed extension sono quindi due facce della stessa medaglia: entrambe si rivolgono a chi necessita di intervenire sulle ciglia, ed entrambe garantiscono risultati semi-permanenti. A parte questo, le differenze sono molte e meritano di essere analizzate in maniera esaustiva.

Per avere un’idea quanto più chiara possibile delle differenze fra laminazione ed extension, è necessario capire in che modo funzionano entrambe le tecniche. Come detto, il loro obiettivo comune è donare alle ciglia un aspetto più sano e apprezzabile a livello estetico, ma le similitudini, almeno in apparenza, finiscono qui. I due metodi si basano infatti su norme e procedure assai distanti, l’uno dagli effetti immediati, l’altro volto a migliorare lo stato delle ciglia nel corso di più sedute. Vediamo come.

Extension: a cosa servono e come si applicano

Come dice la parola stessa, Extension, questa tecnica mira a estendere il volume delle ciglia, sia in lunghezza che in larghezza. Esistono infatti due tipologie di trattamento:

  • Allungamento: ideale per chi ha ciglia folte, ma desidera maggior lunghezza. In questo caso si va ad applicare una singola extension per ogni pelo naturale, con una tecnica detta One to One.
  • Infoltimento: un sistema che va a colmare i vuoti tra le ciglia, applicando, anziché un’unica extension, ciuffetti composti da più peli, il cui numero varia a seconda delle esigenze. Famosa la tecnica Russian Volume, che crea effetti pluridimensionali in base al numero di extension inserite.

Le extension vanno applicate direttamente sulle ciglia, fissandole con un’apposita colla anallergica. Come? Dopo aver rimosso alla perfezione eventuali residui di trucco, il lash maker applicherà un patch protettivo sulle ciglia inferiori, per tenerle al riparo e separate dalla zona su cui andrà a lavorare. Quindi passerà all’applicazione vera e propria, dividendo le ciglia con gli appositi strumenti, immergendo le extension una a una nella colla e infine adagiandole con precisione dove necessario.

Dopo l’applicazione – e in particolare per le prime 48 ore – andranno prese alcune piccole precauzioni, evitando di stressare le extension o usare prodotti non idonei. Per l’igiene quotidiana, ad esempio, sarà bene utilizzare uno shampoo per ciglia, ideale per rimuovere germi e batteri nel massimo rispetto della zona occhi. Questo garantirà una tenuta salda e duratura delle extension.

Laminazione: cos’è e quali effetti ha sulle ciglia

Diversamente dalle extension, la laminazione non contempla l’uso di ciglia artificiali che colmino vuoti e lunghezze. Parliamo infatti di una tecnica che va ad agire direttamente sulle ciglia naturali, enfatizzandole e dando loro una piega semi-permanente. Questo avviene applicando prodotti specifici che modellano e fissano le ciglia in base al look desiderato e con l’aiuto di appositi bigodini.

Fra le lozioni usate a questo scopo, va annoverata quella alla cheratina, che penetra nel fusto dei peli rendendoli malleabili, per poi modellarli nella forma desiderata. Un passaggio benefico per il pelo stesso, poiché, come noto, la cheratina svolge un ruolo di primo piano nel favorirne una crescita sana e vigorosa. Questo vale anche per i capelli e i peli del corpo in genere, di cui è una proteina fondamentale.

Nella maggior parte dei casi, il semplice trattamento di laminazione è affiancato dalla tinta delle ciglia. Spesso infatti le ciglia naturali appaiono eccessivamente chiare o comunque poco visibili: viene quindi applicato un apposito colorante per dare un tono più scuro ai peli e definire ulteriormente il contorno dell’occhio.

Per scoprire tutto sulla laminazione delle ciglia, leggi: Laminazione delle ciglia: come funziona e quali sono i vantaggi

Quante sedute sono necessarie?

In entrambi i casi, i risultati sono visibili fin dalla prima seduta. Con le extension in particolare, si ottiene immediatamente l’effetto desiderato, con ciglia lunghe e folte senza bisogno del make-up. Mediamente, una seduta per applicare le extension può durare da una a due ore, in base al numero di ciglia e alla tecnica utilizzata.

Per una semplice One to One potrebbe essere sufficiente un’ora o, al massimo, un’ora e mezza. In genere, un occhio richiede circa 70/100 extension, ma con l’infoltimento è possibile arrivare ad impiegarne fino a 400: come detto, il metodo Russian Volume consiste nell’applicare più extension per ogni ciglio naturale, ottenendo un effetto ancora più pieno e scenografico. In questo caso la seduta si protrae più a lungo. Indipendentemente dalla tecnica cui si fa ricorso, al termine dell’applicazione sarà possibile ammirare il look definitivo.

Parlando invece di laminazione, il discorso si fa un po’ più complesso. Sebbene i risultati siano evidenti fin dalla prima seduta, l’effetto finale si raggiunge appieno solo dopo 3 o 4 applicazioni; stiamo infatti parlando di una tecnica cumulativa, in cui i trattamenti vanno via via migliorando le condizioni delle ciglia. Ogni seduta dura in media un’ora, in base ai trattamenti che si sceglie di fare.

Inoltre, poiché alla laminazione – piega e tinta – si affiancano cure benefiche per le ciglia, è necessario attendere che esse abbiano completo effetto: affinché questo accada, ogni pelo deve compiere un intero ciclo vitale e godere di tutte le proprietà dei sieri applicati. Che si tratti di prodotti per nutrire e rinforzare le ciglia o per stimolarne la crescita, potrebbe servire qualche mese per avere miglioramenti plateali.

Nel caso delle extension, ogni 3 o 4 settimane sarà necessario ricorrere a sedute di refill, ovvero ritocco, in cui verranno sostituite le extension cadute o che si staccheranno a breve. Questo perché, seguendo il loro naturale ciclo di crescita, le ciglia tendono a cadere in un lasso di tempo compreso tra i 45 e i 60 giorni. Per lo stesso motivo, anche la laminazione andrà ripetuta una volta al mese circa.

Costi e sedute. Quanto serve per un trattamento completo?

Come detto, una seduta per l’applicazione delle extension dura all’incirca un’ora e mezza, arrivando a due nel caso in cui le ciglia usate siano particolarmente numerose. I costi vanno da un minimo di 150 € a un massimo di circa 300 €, anche in base ai materiali e alle tecniche impiegate. Nel caso della Russian Volume, per esempio, e scegliendo ciglia di pregio, i prezzi possono lievitare fino a circa 1000 €. Va detto comunque che si tratta di eccezioni e che, in genere, difficilmente si superare i 400 €.

Per quanto riguarda il refill mensile, il costo della seduta si aggira intorno ai 15/20 € per un trattamento base, mentre raggiunge gli 80 € per refill più complessi. Chiaramente, più si alzano qualità e numero di extension da sostituire, più i costi aumenteranno.

Passando invece alla laminazione, una seduta dura all’incirca un’ora e costa, in media, 60/80 €. Il prezzo varia in base ai prodotti utilizzati e all’eventuale ricorso alla colorazione. In quel caso il costo sarà certamente superiore alla semplice piega delle ciglia. Trattandosi di un metodo di tipo cumulativo, saranno necessarie almeno 3 o 4 sedute, per un costo totale che si aggira intorno ai 300 €.

Che si scelgano le extension o la laminazione, i prezzi variano di molto in base a una serie di fattori:

  • Qualità dei prodotti: come in ogni campo, la qualità dei prodotti usati incide pesantemente sul costo della seduta. Extension pregiate, ad esempio, possono fa aumentare i prezzi di diverse centinaia di euro.
  • Tipo di trattamento: semplice o articolato, con tinta o applicazione di sieri rinforzanti; sia le extension che la laminazione offrono una serie di opzioni dai costi differenti.
  • Tipo di centro scelto: specializzato nel trattamento delle ciglia o semplice centro estetico? Il listino prezzi potrebbe variare anche in base a questi particolari.
  • Città in cui si trova il centro: le grandi città sono certamente più care delle cittadine di provincia. Fare le extension o la laminazione a Milano sarà certamente più dispendioso che in un piccolo centro abitato.
  • Preparazione dei tecnici: per extension e laminazione sono necessarie determinate competenze e certificazioni. L’esperienza e le abilità dei tecnici impiegati fanno certamente la differenza.

Studio professionale o fai da te?

Parlando di extension, l’opzione fai da te è fortemente sconsigliata. Questo per una serie di motivi che andremo ad analizzare.

In primo luogo, l’applicazione delle extension richiede abilità che non tutti possono avere: per risultati esteticamente gradevoli, che non tolgano naturalezza al look d’insieme, è importante che ogni singola extension sia maneggiata con cura, poggiandola solo ed esclusivamente sulle ciglia, senza andare a intaccare la palpebra. Questo avviene con l’impiego di appositi strumenti per separare i peli e pinze che trattino con la massima delicatezza le extension; un lavoro che richiede professionalità e che svolgere su se stessi è quasi impossibile.

Inoltre, l’utilizzo errato di tali accessori potrebbe rivelarsi dannoso per le ciglia, andando a sollecitare con troppa insistenza il bulbo pilifero. Simili comportamenti sono alla base di disturbi talvolta irreversibili, come, per citarne uno, la cosiddetta alopecia da trazione, che causa la perdita delle ciglia.

Al contrario, provvedere alla laminazione fai da te è sicuramente più semplice. Pur richiedendo una certa manualità e le dovute accortezze, ottenere risultati soddisfacenti può essere un obiettivo alla portata di tutti: i kit in vendita forniscono tutto ciò che serve per una laminazione sicura ed efficace. Ovviamente, affidarsi a un centro professionale offre una serie di garanzie in più: abilità dei tecnici e precisione, innanzitutto, ma anche la certezza di avere il trattamento più adatto alle proprie ciglia.

Per chi sono indicate extension e laminazione?

Extension e laminazione hanno un vantaggio comune: la possibilità di abbandonare mascara e piegaciglia per un lungo periodo di tempo. Rappresentano dunque la soluzione ideale per chiunque desideri un look sempre perfetto, senza ricorrere quotidianamente al make-up.

Inoltre, entrambe le opzioni sono utili nel correggere piccoli difetti dell’occhio: grazie alle tecniche messe in atto, è possibile attenuare di molto una forma troppo spiovente o uno sguardo chiuso. Nel caso delle extension, applicando le ciglia in modo tale che l’angolo esterno risulti più alto; con la laminazione, imprimendo alle ciglia naturali una piega che apra l’occhio. In tutti i casi si ottiene uno sguardo più ampio e profondo, che doni al viso maggior lucentezza.

A parte queste similitudini, extension e laminazione si rivolgono a tipologie di ciglia per lo più differenti. Vediamo in che modo.

Quando fare ricorso alle extension e quando evitarle

A differenza della laminazione, questa tecnica si avvale di extension che, applicate a ogni singolo pelo naturale, hanno il compito di allungare o riempire istantaneamente il volume delle ciglia. Proprio grazie a tale caratteristica, la laminazione è fortemente raccomandata a chi possiede ciglia rade e piuttosto corte. Chiaramente, in questo caso la laminazione non migliorerebbe affatto l’estetica dell’occhio, ma andrebbe piuttosto a evidenziarne in modo ancora più deciso i difetti.

Le extension non hanno particolari controindicazioni: possono essere utilizzate anche a scopo puramente estetico, su ciglia già lunghe e piene. I modelli disponibili consentono infatti un’ampissima varietà di look, anche appariscenti, con l’applicazione di accessori come strass o ciglia colorate.

L’unica condizione in presenza della quale è meglio escludere questo genere di trattamento sono le ciglia troppo deboli. Poiché le extension vengono incollate ai peli naturali, è necessario che questi siano sufficientemente in forze per reggerne il peso. Pur essendo leggerissime, le ciglia sintetiche esercitano una pressione costante che, a lungo andare, potrebbe indebolire ulteriormente fusto e bulbo pilifero, provocando la caduta delle ciglia naturali.

Un’eventualità da scongiurare, in primo luogo ricorrendo a cure specifiche che restituiscano vigore e salute alle ciglia: i sieri in commercio sono un’ottima soluzione per favorire la guarigione e la crescita dei peli, dando loro un aspetto forte e sano. Solo a quel punto, e sotto consiglio di un esperto, sarà possibile ricorrere all’uso di extension.

Laminazione, sì o no? Quando farla e quando è meglio evitare

Come spiegato in precedenza, la laminazione non fa uso di extension o ciglia artificiali, ma agisce direttamente sulle ciglia naturali. Per ottenere risultati apprezzabili è dunque necessario avere una buona base di partenza: ciglia abbastanza lunghe e folte sono la condizione ottimale su cui andare a lavorare, enfatizzando ancora di più le caratteristiche dell’occhio.

Questo vale anche per chi ha ciglia particolarmente chiare: a conclusione del trattamento è infatti possibile provvedere a una tintura, rendendole più evidenti. Questo non farà che sottolineare ulteriormente l’effetto finale, donando allo sguardo più definizione e profondità.

Non sortendo effetti immediati sulla lunghezza e sull’infoltimento delle ciglia, la laminazione non rappresenta un’alternativa valida per chi ha ciglia rade o troppo corte. Le cause di tali condizione possono essere molteplici: si va da motivi di tipo genetico a problemi ormonali, senza tralasciare l’impiego di farmaci che provocano la caduta di peli e capelli. Indipendentemente dall’origine del diradamento, in tutti questi casi sarà dunque auspicabile optare per una tecnica alternativa.

Le extension non sono l’unica opzione per chi ha ciglia poco folte: ricordiamo che è possibile ricorrere all’uso di ciglia finte, per risultati tempestivi, e di appositi sieri per la crescita delle ciglia.

Extension e laminazione: sono dannose per le ciglia?

Una domanda basilare per chiunque valuti le due alternative: extension e laminazione sono sicure? Comportano rischi di qualche tipo per le ciglia? Innanzitutto è importante precisare come nessuna delle due implichi pericoli di alcun genere, a patto che siano praticate correttamente e con tutte le precauzioni del caso: l’igiene in primo luogo, quindi la scelta di prodotti idonei e un uso professionale degli appositi strumenti.

Extension. L’importanza di usare i prodotti giusti

Per quanto concerne le extension, il rischio maggiore è legato a un’eventuale scelta sbagliata di colla e ciglia sintetiche. Secondo la American Academy of Ophthalmology, tra le possibili reazioni avverse a questa pratica vanno annoverati: gonfiore, irritazione della palpebra, infezione al bulbo oculare e perdita delle ciglia, sia temporanea che definitiva.

La maggior parte di queste reazioni dipende dalla scelta sbagliata del collante, che può contenere sostanze chimiche causa di allergie e infiammazioni. Allo stesso modo, l’impiego di extension inadatte potrebbe rivelarsi controproducente per la salute delle ciglia: fibre troppo rigide o pesanti eserciterebbero una pressione eccessiva sul fusto e sul bulbo pilifero, causandone l’indebolimento e la conseguente caduta.

Laminazione: solo benefici?

Per sua natura, la laminazione apporta solo benefici alle ciglia, con prodotti che ne migliorano sia l’aspetto che il benessere. Gli unici rischi legati a questa tecnica vanno ascritti a un uso improprio dei prodotti ed è pertanto fondamentale affidarsi a esperti del settore o scegliere con cura i kit fai da te. In quest’ultimo caso, sarà importante eseguire correttamente tutti i passaggi.

In assenza di allergie, nessuna delle due tecniche comporta particolari fastidi durante l’applicazione. Potrebbero insorgere piccole irritazioni alle palpebre o agli occhi nelle ore immediatamente successive, che andranno a scomparire da sole in pochissimo tempo. Qualora persistessero, sarebbe opportuno consultare tempestivamente un medico, che saprà diagnosticare eventuali cheratiti o congiuntiviti, dovute, ad esempio, al remover per le extension.

In conclusione

Sebbene extension e laminazione condividano il medesimo scopo, le modalità con cui vengono messe in pratica sono ben distinte e si rivolgono a diverse esigenze: le prime mirano a riempire e allungare ciglia poco folte, mentre la seconda si concentra sulle ciglia naturali, imprimendo loro una piega semi-permanente. Due tecniche opposte dunque, che vengono incontro a varie necessità. Entrambi i metodi contribuiscono a loro modo ad aprire lo sguardo, donando agli occhi un aspetto più profondo e giovanile.

Ciò che caratterizza le extension sono gli effetti immediati: dopo una sola seduta sarà possibile ammirare il risultato finale dell’applicazione, sfoggiando ciglia più lunghe e piene che mai. In base al ciclo naturale delle ciglia, ogni 3 o 4 settimane sarà necessario affidarsi a una seduta di ritocco, per rimuovere e sostituire le extension che stanno per cadere.

Al contrario, la laminazione ha lo scopo di alzare e imprimere una piega semi-permanente alle ciglia, talvolta applicandovi anche un’apposita tintura per renderle più scure ed evidenti. Una tecnica che si dimostra benefica, grazie all’uso di prodotti alla cheratina, e compatibile con l’applicazione di sieri per la crescita e il nutrimento delle ciglia. I risultati sono cumulativi e per ottenere l’effetto finale serviranno almeno 3 o 4 sedute.

Cosa scegliere dunque, tra extension e laminazione? La risposta è del tutto soggettiva e risiede, in primo luogo, nel tipo di ciglia che si va a trattare: lunghe e folte per la laminazione, più corte e rade per le extension.