Ultrasuoni a scopo estetico: come funzionano, quali sono i potenziali benefici e le controindicazioni? Come possono essere praticati a casa?

Un efficace sistema per perdere peso, per combattere la cellulite e per rinvigorire la pelle, utilizzabile anche autonomamente in casa.

Ultrasuoni a scopo estetico
INDICE
  • Gli ultrasuoni rappresentano un sistema indolore ed efficace per dimagrire, per migliorare l’elasticità della pelle e per combattere la cellulite.
  • Grazie a degli appositi strumenti è possibile effettuare il trattamento anche autonomamente e in casa.
  • Gli ultrasuoni possono essere applicati sulla maggior parte del corpo, dalle cosce al viso, dall’addome ai fianchi.
  • Gli effetti collaterali, ad esclusione di persone affette da determinate patologie, sono praticamente assenti.

Cosa sono gli ultrasuoni?

Gli ultrasuoni sono delle onde acustiche non udibili all’orecchio umano, le quali vengono inviate a frequenze superiori ai 20 kHz. La loro efficacia è dovuta alla capacità dell’onda di penetrare all’interno del sistema biologico, nel quale viene rilasciata l’onda stessa.

Le alte frequenze causano tre effetti, ovvero uno meccanico e uno termico, la cui combinazione favorisce gli scambi cellulari e un conseguente effetto biochimico. L’innalzamento della temperatura non viene percepito a livello cutaneo, non provocando fastidi. Questo tipo di trattamento è utilizzato da anni nel campo della fisioterapia con indiscutibili benefici e si è ritagliato un importante posto anche a livello di medicina estetica, tanto da essere considerato un vero e proprio lifting non chirurgico.

L’uso degli ultrasuoni in medicina estetica

Gli ultrasuoni vengono impiegati con grande successo nella medicina estetica, principalmente per risolvere problematiche legate al peso in eccesso, all’eliminazione delle rughe e alla cura della cellulite. L’efficacia di tale metodologia è solo parzialmente testata scientificamente, ma è in crescita il numero delle cliniche che pratica gli ultrasuoni, sia a scopo estetico sia a scopo terapeutico.

Dal punto di vista estetico, il trattamento può essere eseguito, oltre che presso cliniche e centri specializzati, in modo totalmente autonomo utilizzando appositi dispositivi ad ultrasuoni per l’uso domestico.

I più comuni sono in grado di lavorare a 1 e a 3 MHz e sono formati da un corpo centrale facilmente impugnabile, nel quale sono presenti un piccolo pannello a LED, i tasti di selezione dei comandi e le testine, ossia le parti che vanno a contatto diretto con il corpo.

Seguendo le indicazioni riportate nel libretto d’uso e manutenzione, puoi imparare a utilizzare correttamente il prodotto in pochi minuti. Il vantaggio dei dispositivi a ultrasuoni non professionali è rappresentato dalla possibilità di accedere alla terapia tutte le volte che lo ritieni opportuno, per un significativo risparmio di tempo e di denaro rispetto a un trattamento effettuato in un centro specializzato, i cui risultati, tuttavia, sono più rapidi per via della maggior qualità degli strumenti adoperati.

Come funziona il trattamento a ultrasuoni?

Come funziona il trattamento a ultrasuoni

Prima di procedere con il trattamento a ultrasuoni, nella parte o nelle parti del corpo che intendi trattare, devi applicare uno specifico gel, il quale ha il compito di rendere più efficace la trasmissione delle onde sonore tra la macchina e l’organismo. Non appena termini l’applicazione, procedi al trattamento vero e proprio, il quale avviene tramite un dispositivo elettromedicale, la cui testina va passata in senso rotatorio sulle zone selezionate.

Il movimento va compiuto con lentezza e su un raggio di circa 4-5 centimetri, così da permettere alle onde acustiche di penetrare con maggiore precisione ed efficacia. Per il trattamento del viso è consigliato agire a 3 MHz per un tempo compreso tra i 10 e i 15 minuti, mentre per il passaggio sul resto del corpo è bene variare la frequenza a 1 MHz e non spingere il trattamento oltre i 15 minuti.

I risultati si cominciano a notare già dopo poche sedute, e per raggiungere gli obiettivi e al fine di mantenere i benefici a lungo, è doveroso associare alla terapia a ultrasuoni una dieta bilanciata e la pratica di una regolare attività fisica. Non bisogna eccedere con le sedute: limitati a tre trattamenti settimanali. Al termine di ogni terapia a base di ultrasuoni, ti suggeriamo di bere molta acqua e periodicamente a sottoporti a un massaggio drenante: aiuterai il tuo corpo a espellere le cellule adipose, velocizzando i risultati e mantenendoli a lungo nel tempo.

Scegliere il giusto gel è fondamentale

Spesso nella confezione del dispositivo a ultrasuoni è compreso un flaconcino contenete un appropriato gel da passare sulle zone da trattare prima di procedere con la terapia. Assicurati di utilizzare un prodotto progettato in modo specifico per i trattamenti cosmetici con gli ultrasuoni, altrimenti potresti ridurre l’efficacia della terapia.

Il gel, infatti, deve garantire una specifica conducibilità per permettere alle onde sonore di penetrare in profondità all’interno della pelle e per stimolare i tessuti adiposi. I migliori gel sono realizzati a base di acido ialuronico, sostanza anallergica che produce effetti positivi sulla pelle, sui capelli e a livello articolare, in virtù della sua elevata azione idratante.

Ricompattare la pelle con il calore

Il calore generato dagli ultrasuoni non viene in alcun modo trasmesso sulla superficie della pelle, ma solo all’interno dei tessuti.

Arrivando in profondità, si raggiungono i 70°C, temperatura ideale per agire sulle fibre di collagene invecchiate. Tale processo consente alla pelle di attivare la neocollagenesi, ovvero un meccanismo di autoriparazione che porta alla creazione di nuovo collagene e al relativo compattamento della pelle. Il trattamento è sostanzialmente indolore, anche se durante l’azione della testina potresti avvertire un formicolio o una lieve sensazione di calore. Se l’eventuale formicolio ti sembra eccessivo e ti provoca dei fastidi, abbassa il livello di intensità della macchina, per poi aumentarlo in modo graduale con il passare delle sedute.

Tanti benefici, dalla perdita del peso alla tonificazione della pelle

Tanti benefici, dalla perdita del peso alla tonificazione della pelle

Sono numerosi i benefici che derivano dai trattamenti estetici basati sugli ultrasuoni, non solo la semplice riduzione del peso corporeo, che per essere efficace deve essere associata ad altri risultati.

Perdere i chili di troppo, a prescindere dalla zona, può portare a una conseguente diminuzione dell’elasticità della pelle, causando un notevole difetto estetico difficilmente correggibile. Grazie agli ultrasuoni, invece, potrai apprezzare una rapida tonificazione dei tessuti, oltre alla già citata perdita di peso. Gli, ultrasuoni, per di più, facilitano l’assorbimento di sostanze come gli oli essenziali e i prodotti cosmetici, e contribuiscono alla distensione dei tessuti, andando a ridurre o addirittura a eliminare le rughe superficiali.

Altro importante campo di applicazione della terapia a ultrasuoni è quello relativo al mantenimento dei risultati ottenuti: perdere dei chili e riprenderli dopo poco tempo non è positivo, così come migliorare l’elasticità della pelle e tornare al vecchio stato a stretto giro. Ecco gli altri vantaggi maggiormente conosciuti che scaturiscono dal trattamento con gli ultrasuoni:

  • l’incremento della vascolarizzazione;
  • la riduzione della cellulite;
  • la levigazione della pelle;
  • l’accelerazione del metabolismo.

Su quali parti del corpo sono maggiormente efficaci?

Il viso e il collo sono state tra le prime zone ad essere trattate con gli ultrasuoni a scopo estetico, al fine di ridurre le rughe superficiali e per cercare di eliminare le borse e le occhiaie. Considerando che già dopo i primi trattamenti la pelle del viso appariva rinvigorita, morbida e lucente, gli ultrasuoni sono stati sperimentati su molte altre zone del corpo, ovvero:

  • i glutei;
  • l’addome;
  • i fianchi;
  • le braccia;
  • la zona interna della coscia;
  • la zona esterna della coscia;
  • i polpacci.

Effetti collaterali importanti limitati solo a soggetti con determinate patologie

Il calore sprigionato dagli ultrasuoni agisce sostanzialmente a livello sottocutaneo, ma è comunque possibile che si riscontrino delle piccole bruciature o degli arrossamenti nelle zone trattate, i quali scompaiono dopo un paio di giorni dall’ultima terapia effettuata.

In linea generale le controindicazioni più gravi riguardano esclusivamente soggetti che presentano delle specifiche patologie, ma ci sono comunque dei punti sensibili che ti raccomandiamo di escludere dalla terapia anche qualora tu non sia affetto da alcuna problematica di salute, come gli organi sessuali, la zona cranica e nelle vicinanze del petto. Il trattamento va evitato a persone che si trovano in stato di gravidanza, ai portatori di pacemaker e a coloro che presentano le seguenti patologie, anche di carattere transitorio:

  • febbre;
  • cardiopatie;
  • trombosi;
  • epilessie;
  • tromboflebiti;
  • malattie oncologiche;
  • presenza di lesioni o di infiammazioni superficiali.

Gli ultrasuoni e il dimagrimento

Gli ultrasuoni e il dimagrimento

Fermo restando che il dimagrimento, specie quando si parla di molti chili, deve avvenire in modo graduale, affidandosi a una dieta ipocalorica e a una costante attività fisica, gli ultrasuoni possono accelerare tale processo ed evitare il rischio di lassità della pelle, ovvero quel fastidioso inestetismo che rende la cute flaccida e poco elastica.

La rimozione del grasso mediante gli ultrasuoni si verifica tramite i movimenti tra le cellule adipose presenti nell’organismo, le quali vengono scatenate dalla macchina: attraverso tali movimenti le cellule sviluppano delle bolle, la cui crescita incontrollata provoca un’implosione, andando così a distruggere l’intera cellula adiposa. L’azione non causa alcun danno al corpo, in quanto sono coinvolte esclusivamente le cellule adipose, mentre quelle sane non vengono in alcun modo intaccate.

Gli ultrasuoni contro la cellulite

La cellulite, nota anche come “pelle a buccia d’arancia” si forma attraverso l’accumulo di grassi localizzati nei tessuti cutanei, con il rischio di provocare effetti nocivi sull’epidermide, non esclusivamente a livello estetico.

La cellulite non si presenta solo in caso di considerevole aumento di peso, ma può colpire a seguito di una serie di effetti, tra cui una dieta ricca di grassi e la carenza di movimento. La sua comparsa si verifica sostanzialmente in specifiche zone, in particolare sulle cosce, sui glutei, sui fianchi e in minori circostanze anche sull’addome e sulle braccia. Le cause del perché solo determinate aree del corpo siano soggette alla formazione della cellulite non sono ancora note.

Proprio per la loro capacità di distruggere le cellule adipose, gli ultrasuoni rappresentano uno dei migliori sistemi in circolazione per combattere la cellulite. In questo caso viene utilizzata una frequenza di 1 MHz, la quale è in grado di penetrare a circa tre centimetri di profondità, andando a combattere le cellule più difficili da contrastare, rendendo la terapia a ultrasuoni più efficace di diete ipocaloriche e di altri trattamenti estetici, chirurgici e non.

Ci sono differenze con la liposuzione?

La liposuzione è un trattamento chirurgico con il quale si eliminano depositi di grasso localizzati in precise parti del corpo. La liposuzione è impiegata nella maggior parte dei casi per agire contro gli accumuli di grasso difficilmente eliminabili con la dieta, con l’attività fisica, con le creme e con le terapie tradizionali.

Per compiere l’intervento viene utilizzato un aspiratore al quale è collegata una cannula, che viene inserita sotto la pelle nella parte in cui vi è la necessità di rimuovere il grasso. Si tratta di un metodo utilizzato sia per modellare il corpo sia per eliminare grandi quantità di tessuto adiposo, consentendo in quest’ultimo caso una notevole perdita di peso, che si riscontrerà immediatamente al termine dell’intervento.

Come abbiamo visto, gli ultrasuoni agiscono in modo non chirurgico e in maniera graduale sull’adipe, per cui sono due sistemi completamente diversi per ridurre il grasso corporeo. Indubbiamente più rapido e invasivo il primo, più delicato e graduale il secondo. Inoltre, la liposuzione deve essere eseguita in un centro specializzato e richiede almeno un paio di settimane per la ripresa delle normali attività, mentre la terapia a ultrasuoni può essere effettuata autonomamente con un apposito dispositivo e consente di essere immediatamente attivo al termine della seduta.

Le opinioni di chi usa gli ultrasuoni a scopo estetico

Non esistono terapie estetiche non invasive efficaci su tutte le persone, e i progressi realizzati durante i trattamenti sono soggettivi, per cui vi sono pazienti che riscontrano importanti miglioramenti e pazienti non contenti degli esiti. La maggior parte della gente, comunque, è soddisfatta dei risultati ottenuti con l’uso degli ultrasuoni, sia dalle terapie svolte presso i centri specializzati, sia da quelle effettuate autonomamente con i dispositivi casalinghi. In quest’ultimo caso molto dipende dalla qualità della macchina impiegata, per cui è imprescindibile affidarsi a prodotti costruiti con materiali altamente qualitativi, sicuri e semplici da adoperare.

Gli ultrasuoni e il trattamento dei dolori

Anche se intendi acquistare il dispositivo a ultrasuoni fondamentalmente per ragioni estetiche, puoi con lo stesso device effettuare delle terapie per il trattamento dei dolori. Tale sistema, infatti, viene impiegato per gestire le malattie reumatiche, così come per recuperare in modo più rapido da vari infortuni, sia di tipo osseo sia di tipo muscolare, dalle semplici contratture ai casi più gravi di lesioni ai danni del muscolo.

In molti casi vengono riscontrati miglioramenti anche dal punto di vista articolare, dalla diminuzione della rigidità alla maggiore ampiezza dei movimenti. Quindi il dispositivo è in grado di svolgere più tipi di applicazioni, non solo di natura estetica.

Come si procede alla manutenzione del dispositivo a ultrasuoni?

Il dispositivo non richiede particolari operazioni di manutenzione da effettuare. Assicurati di tenere pulite le testine, passando al termine dell’utilizzo un panno morbido. Alla fine della sessione riponi il prodotto nella sua custodia, evitando che entri in contatto con la polvere e con lo sporco. Seguendo questo link puoi ottenere informazioni per scoprire quali sono i migliori prodotti per eseguire la terapia a casa e per prenderti cura del tuo dispositivo a ultrasuoni per beneficiare di risultati immediati.