Acido Lattico, Acido Mandelico, Acido Piruvico E Altri: Cosa Sono E Perché Vengono Usati Per Il Peeling Viso

Scopri tutti i benefici dei diversi prodotti utilizzati per il peeling del viso e trova quello più adatto a te!

Acido Lattico, Acido Mandelico, Acido Piruvico E Altri
INDICE

Chi l’ha detto che gli acidi non possano essere degli ottimi alleati per la cura del viso? Spesso la parola “acido” ci richiama alla mente qualcosa di dannoso e pericoloso, ma non è affatto così: in natura esistono degli acidi di origine biologica che, se utilizzati nelle giuste concentrazioni, svolgono un’azione benefica a livello della nostra cute.

In particolare, questi ingredienti sono molto efficaci nel contrastare l’acne, i punti neri e le impurità del viso ma devono essere usati con cautela per non creare irritazioni e rossori sulla pelle.

In questo articolo vediamo quali sono i principali acidi che vengono usati in ambito cosmetico, in particolare quelli più diffusi all’interno dei migliori prodotti per il peeling chimico disponibili sul mercato.

Ognuno di noi deve trovare l’ingrediente più adatto per la propria pelle, in commercio esistono molte formulazioni diverse e ognuna di esse è più o meno indicata per trattare i più frequenti disturbi cutanei come la secchezza, l’acne e il sebo.

Acido mandelico: pelle liscia e morbida

L’acido mandelico è un altro alfa idrossiacido che viene ricavato dalla mandorle amare. Come l’acido glicolico, è un ingrediente che svolge un’azione esfoliante e che previene la comparsa dell’acne.

Tra i suoi effetti benefici vi sono inoltre la riduzione dei danni dovuti al sole e il trattamento delle iperpigmentazioni. Il vantaggio di questo acido è che, rispetto all’acido glicolico, le sue molecole sono di dimensioni maggiori quindi penetra all’interno della cute meno in profondità e non provoca irritazioni.

Per questo motivo, è molto ben tollerato ed è particolarmente consigliato per chi ha la pelle sensibile e delicata. Ecco i principali benefici dell’acido mandelico:

  • Azione esfoliante
  • Previene l’acne
  • Riduce i danni solari
  • Riduce le iperpigmentazioni
  • Non irrita la pelle
  • Ben tollerato
  • Ideale per pelli sensibili

Acido azelaico: il rimedio contro i brufoli

L’acido azelaico è stato uno degli ingredienti principali dei prodotti cosmetici per combattere l’acne negli ultimi anni ed è contenuto in molte creme e detergenti che, però, necessitano di prescrizione medica. La sua concentrazione nelle formulazioni è intorno al 15%-20% e, rispetto agli altri acidi, viene applicato su tutto il viso e non solamente sulle aree interessate dall’acne.

L’acido azelaico è ben tollerato e difficilmente provoca effetti collaterali, nelle persone con la pelle molto delicata può accadere che si verifichino degli arrossamenti o che compaia una fastidiosa sensazione di prurito. Oltre alla sua funzione antibatterica e igienizzante, l’acido azelaico svolge anche un’azione schiarente e si rivela molto utile in caso di iperpigmentazioni o di segni post acne.

Ecco i principali benefici dell’acido azelaico:

  • Pulisce i pori
  • Azione antibatterica
  • Azione antiinfiammatoria
  • Azione schiarente
  • Previene l’acne

Acido kojico: pelle più chiara e luminosa

L’acido kojico, detto anche acido cogico, viene prodotto da dei batteri che vengono impiegati nella fermentazione del riso per la produzione del sakè. Questo acido è molto conosciuto nel continente asiatico per le sue proprietà schiarenti e anti-age. All’interno delle creme, dei detergenti e dei sieri è contenuto in una concentrazione variabile tra l’1% e il 4%.

L’acido kojico è senza dubbio uno dei più efficaci ma anche uno dei più irritanti, non è ben tollerato dalla pelle e deve essere utilizzato con cautela e senza eccedere nei dosaggi. Ecco i principali benefici dell’acido kojico:

  • Azione schiarente
  • Effetto anti-age
  • Riduce le iperpigmentazioni
  • Effetto tonicizzante

Acido piruvico: pelle esfoliata e protetta

L’acido piruvico è un ingrediente molto simile all’acido lattico, ma presenta un gruppo chetonico nella sua struttura molecolare, quindi si tratta di un alfa-chetoacido anziché di un alfa-idrossiacido.

In natura questo acido è contenuto nella frutta fermentata e nell’aceto e la sua principale funzione è antimicrobica e seboregolatrice. In cosmetica viene utilizzato per facilitare l’esfoliazione e per stimolare la produzione di collagene da parte del derma.

Dal punto di vista tonificante e stimolante, l’acido piruvico è più efficace dell’acido glicolico ed è ben tollerato dalla pelle. Ecco tutti i principali benefici dell’acido piruvico:

  • Azione seboregolatrice
  • Azione depigmentante
  • Azione antimicrobica
  • Stimola la produzione di collagene
  • Effetto anti-age
  • Previene l’acne
  • Azione antibatterica

Acido glicolico: effetto anti-age

L’acido glicolico è un alfa idrossiacido (AHA) molto utilizzato nella cura del viso. Si ottiene dalla canna da zucchero ed è il più efficace di tutti gli alfa idrossiacidi perché è quello con le molecole di dimensioni minori. In questo modo, può penetrare nella cute e svolgere un’azione anti-age direttamente dall’interno.

Questo acido è molto utilizzato nel peeling del viso perché svolge un’azione esfoliante e previene la comparsa dell’acne. All’interno dei prodotti per la cura del viso è contenuto in una concentrazione inferiore al 10%. Spesso viene associato al microneedling per il trattamento degli inestetismi del viso.

Ecco i principali benefici di questo ingrediente:

  • Azione anti-age
  • Azione esfoliante
  • Previene l’acne
  • Riduce le rughe
  • Migliora la texture della pelle
  • Rimuove le macchie cutanee
  • Riduce le iperpigmentazioni

Acido salicilico: per la pulizia del viso

L’acido salicilico è un prodotto di origine naturale che è molto noto per le sue proprietà purificanti ed esfolianti. In molti sieri e detergenti, infatti, è presente in una concentrazione che varia dal 0,5% al 2% ed è indicato per trattamenti topici, soprattutto per rimuovere i brufoli e l’acne.

Come dice il nome, l’acido salicilico è parente dell’acido acetilsalicilico (aspirina) e, proprio per questo motivo, svolge anche un’importante azione antiinfiammatoria. Ecco i principali benefici di questo ingrediente:

  • Azione purificante
  • Azione esfoliante
  • Pulisce i pori
  • Riduce l’acne
  • Riduce i danni solari
  • Riduce le rughe
  • Azione antiinfiammatoria

Altri acidi meno utilizzati in ambito cosmetico

Quelli che abbiamo appena elencato sono i principali acidi che vengono usati nei detergenti e sei sieri per contrastare l’acne e per ringiovanire la pelle. In ambito cosmetico, tuttavia, esistono centinaia di formulazioni che utilizzano ingredienti poco conosciuti per ottenere effetti mirati e per migliorare la salute della pelle.

Vediamo quali sono gli altri acidi che è importante conoscere:

  • Acido ascorbico: L’acido ascorbico è la forma idrosolubile della vitamina C ed è utilizzato nella skincare per la sua azione antiage. Questo ingrediente si è rivelato molto efficace nel trattamento dei melasmi.
  • Acido lattico: Anche l’acido lattico è un alfa-idrossiacido e viene utilizzato per schiarire il colore della pelle e per rendere la cute più liscia e levigata. Dopo l’acido glicolico, l’acido lattico è il più utilizzato perché non irrita la pelle, è molto idratante ed è efficace anche contro i danni dovuti alle radiazioni solari.
  • Acido ferulico: L’acido ferulico viene spesso utilizzato insieme alla vitamina C nei sieri per le sue proprietà antiossidanti. Questo mix aiuta a proteggere la pelle dai radicali liberi che si formano con l’esposizione ai raggi UV del sole.
  • Acido lipoico: L’acido lipoico è un prodotto noto per il suo effetto antiage e per le sue proprietà antiossidanti. Non viene impiegato spesso in ambito cosmetico.
  • Acido oleico e linoleico: Questi due prodotti non sono realmente degli acidi, a differenza di quanto possa far pensare il loro nome l’acido oleico e linoleico sono degli oli, per la precisione degli acidi grassi. L’acido oleico è molto utilizzato per le sue proprietà emollienti sulle pelli secche, mentre l’acido linoleico svolge un’azione astringente e normalizzante a livello delle pelli grasse. Entrambi svolgono, inoltre, un’azione schiarente sulle cute.

Come scegliere l’acido più adatto per il proprio tipo di pelle:

Per pelli grasse:

  • Acido azelaico
  • Acido salicilico
  • Acido glicolico
  • Acido lattico
  • Acido mandelico

Per pelli mature:

  • Acido glicolico
  • Acido lattico
  • Acido ascorbico
  • Acido ferulico

Per schiarire la pelle:

  • Acido kojico
  • Acido azelaico
  • Acido glicolico
  • Acido lattico
  • Acido linoleico
  • Acido ascorbico

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto quali sono i principali acidi utilizzati in ambito cosmetico per realizzare i peeling chimici e per prendersi cura della propria pelle. Prima di utilizzare questi prodotti, si consiglia di conoscere a fondo gli ingredienti così da individuare quello più adatto alla propria tipologia di pelle: alcuni di questi acidi, infatti, possono risultare aggressivi o possono provocare degli arrossamenti, soprattutto sulla cute secca.

Non bisogna mai eccedere con le quantità consigliate né mescolare più acidi insieme per evitare un cocktail dannoso per la nostra cute. Che tu voglia ridurre l’acne, schiarire la pelle, eliminare le rughe o levigare il viso, leggi con cura le proprietà di ogni acido e testa il prodotto su una piccola zona per assicurarti che sia adatto per la tua tipologia di pelle.