Tempo di rottamare la tua piastra? Scopri se la tua piastra va sostituita e come scegliere la prossima!

Come capire se la tua piastra ha terminato il suo ciclo di vita e tutti i criteri per selezionare una sostituta di nuova generazione.

Tempo di rottamare la tua piastra
INDICE

Anche le piastre hanno un ciclo di vita, ma come si fa a capire quando è tempo di cambiarle? In genere la durata media di una piastra per capelli è di circa 2 o 3 anni, ma ovviamente sono molti i fattori che entrano in gioco, i principali sono:

  1. Qualità della piastra
    Il marchio e la qualità dei materiali ovviamente influiscono notevolmente sulla durata della piastra, un modello economico non può garantire le prestazioni di un top di gamma;
  2. Manutenzione
    Una manutenzione costante e regolare può fare la differenza nel lungo termine! È molto importante pulire le placche dopo ogni utilizzo con un panno umido e detergerle a fondo una volta al mese con un panno imbevuto di alcool. In questo modo eviti che residui di prodotto, come oli e termoprotettori, si depositino sulle placche formando una patina che a lungo andare può compromettere la funzionalità della piastra;
  3. Frequenza di utilizzo
    Se sei abituata a usare la piastra giornalmente, aspettati che la sua vita sia più breve della piastra della tua amica che, invece, la usa una sola volta a settimana! Questa regola vale per tutti i prodotti tecnologici: si consumano con l’utilizzo.

Che rapporto hai con la piastra?

I 7 segnali per capire se è arrivato il momento di sostituire la tua piastra

I 7 segnali per capire

Se la tua piastra ha già accumulato qualche anno di vita, ma non sei sicura che sia arrivato il momento di sostituirla, scopriamo insieme quali sono i segnali da cogliere!

1. Impiega tanto tempo a scaldarsi

Questo è senza dubbio il primo segnale che ci dice chiaramente che la nostra piastra sta giungendo alla fine della sua vita. Le piastre sono progettate per raggiungere temperature elevate in tempi molto brevi, se noti che la tua piastra impiega più tempo a scaldarsi rispetto a quando l’avevi acquistata, significa che ha perso potenza e le sue prestazioni non sono più ottimali.

2. Fatica nella messa in piega

Ti trovi a passare e ripassare sulla stessa ciocca più volte, mentre all’inizio la piega era impeccabile alla prima passata? Anche questo è un chiaro segno! Significa che le prestazioni della tua piastra non sono più eccellenti, può essere un problema legato alle placche che disperdono il calore o un problema nel raggiungimento della temperatura.

3. Le placche non hanno un colore omogeneo

Se noti che la tua piastra ha le placche scolorite o che i bordi hanno una colorazione diversa rispetto alla porzione centrale, significa che le placche si sono rovinate e la piastra è da sostituire.

Dopo molti cicli di riscaldamento e raffreddamento, può capitare che le placche abbiano una variazione della colorazione, ma questo comporta anche un problema nella distribuzione del calore: se le placche sono rovinate, il calore non si distribuirà in modo omogeneo su tutta la superficie, ma si avranno zone più calde e altre meno calde!

4. I capelli si impigliano o scorrono male

Tutte le piastre sono progettate per far scorrere al meglio i capelli, hanno bordi arrotondati proprio per evitare di strapparli. Se, però, ti capita spesso di trovare i tuoi capelli impigliati nei bordi o se vedi che le placche fanno fatica a scorrere sulle lunghezze, significa che la tua piastra ha perso la fluidità nei movimenti o presenta graffi che sono una minaccia per i capelli.

5. Placche graffiate o danneggiate

Se le placche presentano graffi o ammaccature, è il caso di sostituire la piastra. Infatti, se le placche sono rovinate rischiano di danneggiare i capelli perché si creano delle zone di maggior calore in quei punti dove la placca è più sottile!

6. Odore insolito

Se ti accorgi che, quando raggiunge alte temperature, la tua piastra emette un odore insolito, non è un buon segno. Dopo anni di utilizzo, infatti, può succedere che i componenti si brucino o che il rivestimento, che in genere è in gomma, si surriscaldi.

Anche in questo caso devi provvedere a sostituire la piastra perché c’è il rischio che smetta di funzionare da un momento all’altro o, peggio ancora, che si brucino le componenti interne.

7. Cavo di alimentazione danneggiato

Quante volte ci capita di srotolare questi cavi che inspiegabilmente continuano ad annodarsi? Con il passare degli anni può succedere che una parte del rivestimento in gomma si rompa, lasciando scoperti i fili interni. Fai attenzione perché è molto pericoloso! Anche in questo caso è opportuno sostituire la piastra con una di nuova generazione al più presto.

Ricorda: evita di sovraccaricare la temperatura della piastra e ricordati di spegnerla dopo aver terminato l’acconciatura.

Se vuoi assicurarti che duri a lungo, effettua una manutenzione delle placche regolarmente.

Le piastre di ultima generazione sono dotate di una funzione supplementare di chiusura che consente di tenere le placche serrate quando la piastra non è in utilizzo, in questo modo sono protette e c’è meno rischio che si rovinino.

Tutti i consigli per scegliere una nuova piastra per capelli

Tutti i consigli per scegliere una nuova piastra per capelli

Hai deciso che è tempo di rottamare la tua vecchia piastra ma, di fronte ai moltissimi modelli a disposizione, non sai quale scegliere? C’è davvero l’imbarazzo della scelta in quanto a piastre per capelli e, poiché si tratta di un prodotto che ti accompagnerà nella routine per alcuni anni, è importate fare la scelta giusta. Ma come?

La nostra selezione delle 11 migliori piastre di ultima generazione può essere un buon punto di partenza per scoprire i modelli e i brand migliori! Prima di tutto devi stabilire un budget a disposizione in modo da escludere prodotti troppo economici o troppo costosi in base alle tue possibilità.

Ci sono diversi brand famosi che propongono piastre eccellenti a un buon prezzo, ma quali sono i criteri per scegliere il modello giusto? Vediamoli insieme!

1. Dimensione

Più la tecnologia avanza più siamo portati a pensare che un prodotto di ultima generazione debba essere piccolo e funzionale, ma nel caso delle piastre non è sempre così! Devi scegliere il prodotto in base alle tue esigenze: se hai i capelli corti non hai bisogno di placche grandi che disperdono calore, ma se, invece, hai un taglio lungo è consigliabile scegliere una piastra più grande per raccogliere più capelli in una sola passata e impiegare meno tempo.

2. Rivestimento

Questa è una delle caratteristiche più importanti della piastra. Quasi tutte le piastre di ultima generazione sono rivestite in ceramica che garantisce una diffusione omogenea del calore sulla piastra. Tuttavia, anche la qualità della ceramica varia! Alcuni modelli propongono anche rivestimenti in titanio o in tormalina, quest’ultima è particolarmente indicata per chi ha i capelli crespi, perché con la sua azione ionizzante contrasta l’effetto frizz.

3. Temperatura

Tutte le piastre di ultima generazione raggiungono temperature molto elevate, in genere fino ai 220 gradi, ma questo non è indice di qualità né di funzionalità! Va sottolineata l’importanza di poter impostare la temperatura perché non tutti i capelli tollerano lo stesso grado di calore. Quindi, non valutare solo la temperatura massima perché difficilmente arriverai a 220 o 230 gradi, assicurati invece che la piastra permetta di impostare la temperatura a seconda delle tue esigenze.

4. Praticità

Ovviamente, la piastra deve essere pratica e comoda da usare! Una piastra pesante e poco maneggevole non è semplice da utilizzare e renderà lo styling impegnativo e faticoso. Ricorda che dedicare del tempo a se stessi e al proprio aspetto è una coccola che ci concediamo e deve essere vissuta con piacere.

5. Funzionalità

Infine, consulta le schede tecniche dei prodotti sui quali sei indecisa per scoprire le loro funzionalità aggiuntive. Alcune piastre, per esempio, dispongono della funzione di spegnimento automatico dopo un certo tempo di utilizzo, per alcune persone può risultare fondamentale, mentre per altre superflua.

Alcuni modelli hanno i bordi arrotondati per facilitare la creazione di boccoli e acconciature mosse, altre invece hanno un design più squadrato. Tutto dipende dalle tue esigenze!

Conclusione

Ricorda di usare sempre un termoprotettore prima di passare la piastra sui capelli, in questo modo saranno protetti dalle temperature elevate. Come tutti i prodotti, anche le piastre per capelli richiedono pratica e si migliora con l’esperienza, ma sei vuoi assicurarti di proteggere al meglio i tuoi capelli, leggi i nostri consigli per curare i capelli prima e dopo la stiratura con la piastra.