Lo struccante: come usarlo al meglio

Non vi è pigrizia che tenga: struccare le ciglia è il più bel gesto che tu possa fare per loro. Scopri come!

Lo struccante come usarlo al meglio

Ogni donna lo sa: non c’è niente di peggio per la propria bellezza di coricarsi senza prima essersi struccate. Si tratta di una verità sacrosanta che non solo ti garantirà un risveglio più tranquillo, ma anche una bellezza più duratura.

Lo stesso trucco che durante il giorno ti fa sentire a tuo agio, durante la notte diventa in peggior nemico della tua bellezza. In che modo?

Le cellule tendono a rigenerarsi durante il sonno, rinnovando i tessuti. Il make-up tenderà a rallentare questo importante ciclo vitale, invecchiando la pelle, ostruendo i pori e trattenendo sebo in eccesso. La tua pelle non riuscirà a respirare, men che meno a rigenerarsi.

Struccarsi fa bene anche alle ciglia

Struccarsi fa bene anche alle ciglia

Lo stesso discorso vale per le ciglia; anche se a volte lo dimentichiamo si tratta di una parte viva del corpo che subisce come ogni altra lo stress. Forse non hai mai pensato a cosa comporta l’applicazione del mascara per le tue ciglia, ma l’utilizzo di questo importante strumento di bellezza avviene attraverso l’imprigionamento delle ciglia in un’armatura di texture.

Il mascara è il miglior amico del nostro sguardo, ma va usato con consapevolezza. Dato che, sappiamo bene, del mascara non ne possiamo proprio fare a meno, cerchiamo almeno di scegliere e usarne uno di alta qualità e rimuoverlo ogni sera per evitare che possa rendere le ciglia più fragili, spezzarle o portarle alla caduta.

Dunque non avere dubbi, armati di pazienza e struccati ogni giorno prima di coricarti. Forse alla sera è una scocciatura, ma quando al mattino ti troverai davanti allo specchio sarai felice di averlo fatto.

Quanto tempo per struccarsi?

Il tempo per togliere il trucco dovrebbe essere circa lo stesso che hai impiegato per applicarlo. Niente fretta e delicatezza. Eseguire la rimozione con superficialità può causare persino più danni del non effettuarla affatto.
Ricordati che il tuo viso ha sostenuto il trucco per diverse ore e che, nonostante ti sia preoccupata di usare prodotti adatti, per pelle, ciglia e labbra è stato uno stress; prenditi cura di te e pensa sempre che il tempo che passi a togliere il makeup è tempo che dedichi alla tua bellezza esattamente come quando lo applichi.

Tipi di struccanti

Tipi di struccanti

Prima di passare in rassegna le principali formulazioni di struccanti per occhi acquistabili oggi, permettimi di specificare che la scelta del prodotto giusto è molto importante. Molte aziende vendono prodotti struccanti adatti sia al viso che agli occhi, ma non è sempre così.

La pelle del contorno occhi è molto più sensibile di quella della zona a T, per esempio, e l’occhio è tra le aree più delicate del corpo. Il mio consiglio è quello di usare prodotti differenti per struccare gli occhi da quelli utilizzati sul resto del viso, questo ti permetterà una maggiore scelta in fatto di delicatezza del prodotto senza rinunciare all’efficacia.

Vediamo insieme quali sono i principali formati che il mercato offre per quanto riguarda i prodotti struccanti per occhi:

1. Salviettine struccanti

La loro principale caratteristica è la praticità. Sono salviettine imbevute di struccante in confezioni richiudibili e pronte all’uso. Se in caso di emergenza possono risultare comode, mi sento di sconsigliarti il loro utilizzo per la routine quotidiana per almeno tre motivi: il primo è che si tratta di prodotti usa e getta, una vera disgrazia per il pianeta e per le nostre tasche.
In secondo luogo non possono dosare l’applicazione; che tu abbia un velo di makeup o stia tornando da una festa di Halloween per le salviettine non fa differenza, e l’unico modo in cui potrai regolarti è usarne più di una all’occorrenza. Come dicevamo prima, un autentico spreco di prodotto per l’ambiente e la nostra economia domestica!
In terzo luogo le formulazioni che di norma si trovano sono molto aggressive e un uso abituale rischia di arrossare – ma anche irritare – una parte così delicata come il contorno occhi.
Quindi se puoi evita di affidarti alle salviettine per struccarti a fine giornata.

2. Struccanti a base oleosa

Sono struccanti cosiddetti bifase, la cui formula è organizzata in percentuali variabili di acqua e olio. Sono perfetti per struccare nutrendo al tempo stesso la pelle grazie alla parte grassa che li compone. Per essere applicati devono essere agitati per ottenere una miscelazione tra le componenti che sono insolubili l’una nell’altra.
Trattandosi di prodotti delicati sono adatti, di solito, sia per il viso che per gli occhi.

3. Struccanti a base non oleosa

Sono realizzati con una base d’acqua senza la componente oleosa. Questo può sembrare una mancanza, ma invece rende questi struccanti idonei a chi ha pelle particolarmente grassa o mista; la loro azione, oltre a rimuovere il trucco, consente di non aggiungere oli su di una pelle che tende naturalmente a produrre sebo.

4. Struccanti in crema

Gli struccanti in crema hanno una consistenza piacevole e fresca sulla pelle e riescono a rimuovere il trucco con più facilità. Tuttavia, proprio a causa della loro texture, una volta impastati con il trucco possono lasciare residui sul viso o sugli occhi.
Ti consiglio, dopo esserti struccata, di effettuare sempre un lavaggio delicato con acqua tiepida per essere certa di mantenere la pelle pulita.

5. Struccanti in gel

Sono meno cremosi dei precedenti e più indicati per la pulizia delle pelli grasse, ma come gli struccanti in crema possono lasciare tracce sulla pelle che potrai rimuovere con il solito lavaggio delicato con acqua tiepida. Alcuni struccanti in gel possono essere applicati come una mousse, massaggiandoli delicatamente sul viso umido per formare una schiuma soffice da risciacquare alla fine del trattamento.

6. Mousse detergenti

Sono indicate per pelli grasse e miste perché la loro formulazione, che contiene tensioattivi schiumogeni, aiuta a ridurre la formazione di sebo. Si applicano come un sapone, inumidendo il viso e massaggiandolo con delicatezza per formare una schiuma che poi andrà risciacquata.

7. Acque micellari

Sono struccanti di ultima generazione e possono vantare risultati molto soddisfacenti senza essere aggressive. Sono realizzate a partire da una base di acqua arricchita con particolari micelle tensioattive che sono in grado di imprigionare le molecole di makeup, ma anche smog e sebo, lasciando la pelle perfettamente detersa e fresca.
La loro azione è simile a quella di una calamita, non interagiscono direttamente con il cosmetico intaccandone la tenuta, ma ne catturano semplicemente le componenti. Questa loro caratteristica le rende particolarmente adatte per le pelli sensibili ma anche per il contorno occhi e la rimozione del mascara perché non si corre il rischio di dover strofinare per pulire il viso.

Come usare lo struccante occhi

Come usare lo struccante occhi

Dopo aver selezionato il formato di struccante più adatto alle tue esigenze è arrivato il momento dell’applicazione. Pensavi che bastasse cospargerti di prodotto e aspettare che si portasse via il trucco? Non è così.

Come ti dicevo prima struccarsi è importante almeno quanto l’applicazione del make-up e va fatto nel modo corretto che elimini il trucco rispettando però pelle, occhi e ciglia.
Stai per usare sul tuo viso un prodotto in grado di sciogliere un mascara – magari WaterProof – come pensi che possa interagire con la delicatezza dei tuoi occhi o della tua pelle?

  1. Procurati dei dischetti di cotone (se sono antipelo è meglio, eviterai di ricoprirti di pelucchi bianchi durante le operazioni di strucco) oppure dei panni di tessuto naturale lavabili e riutilizzabili.
  2. Versa la giusta quantità di prodotto. Non esagerare e non essere troppo parsimoniosa; se ne userai troppo lo sprecherai, mentre se sarà troppo poco dovrai eseguire una seconda passata, perdendo tempo e sprecando altri dischetti.
    La cosa migliore è regolarti in basa al trucco che hai applicato. Non preoccuparti se all’inizio non saprai bene come prenderci la misura, non tutti i trucchi hanno la stessa tenuta e non tutti gli struccanti la stessa efficacia; concediti un po’ di tempo per fare esperienza.
  3. Una volta che il tuo dischetto è pronto applicalo sull’occhio chiuso e aspetta che il prodotto faccia effetto sul trucco. Ci vorrà una decina di secondi, ma più il trucco subirà l’effetto dello struccante più semplice sarà rimuoverlo completamente.
  4. Una volta trascorso il tempo giusto trascina semplicemente e con delicatezza il dischetto verso il basso. In questa fase è importante evitare movimenti rotatori o strofinare; ricorda che le ciglia sono già state stressate dalle ore di mascara, strofinarle potrebbe spezzarle o causarne la caduta e non credo che tu voglia inorridire trovando un piccolo esercito di ciglia cadavere sul dischetto. Lo scopo finale di struccarsi è rimuovere il makeup dalle ciglia, non rimuovere le ciglia!

Che fare una volta rimosso il trucco

Una volta completate le operazioni di strucco puoi sciacquare il viso con acqua tiepida per essere certa di aver rimosso tutto il trucco e lo struccante. Sentirai la pelle fresca e morbida e sarai ben felice di non aver ceduto alla pigrizia.

A questo punto non ti resta che applicare una crema idratante per la notte sulla pelle e un trattamento fortificante e nutriente sulle ciglia.
Puoi usare sieri studiati a questo scopo o utilizzare prodotti naturali come l’olio di ricino o di argan direttamente sulla ciglia con l’aiuto di uno scovolino pulito che terrai solo per questo scopo. Per una serie di consigli su come mantenere sane le tue ciglia puoi leggere l’articolo dedicato.

Ecco fatto, non è stato troppo faticoso vero? Con un po’ di forza di volontà questi esercizi diventeranno parte integrante della tua routine quotidiana e la tua bellezza ne trarrà giovamento e longevità. Cosa sarà mai mezz’ora di trattamento struccante a confronto con una vita di bellezza?