Lo Yoga Può Aiutare Per La Perdita Di Peso?

Fare esercizio fisico è utile a scaricare lo stress e perdere calorie: possiamo dire lo stesso dello yoga? Vediamolo insieme!

Lo Yoga Può Aiutare Per La Perdita Di Peso
INDICE

Una dieta molto ricca di zuccheri, grassi e cibi molto elaborati, insieme a una buona dose di sedentarietà, porta a un notevole aumento di peso. Se a questo uniamo anche lo stress, l’assunzione di farmaci, magari per problemi di tipo cronico, dormire poco e i cambiamenti ormonali, ingrassare è ancora più facile.

Lo yoga può aiutare a contrastare questa condizione? La risposta è sì! Questa disciplina infatti non solo aiuta a gestire lo stress, ma migliora l’umore, frenando così problemi come il binge eating (mangiare sempre, anche quando non si ha fame).

Può inoltre aiutare a bruciare le calorie, aumentando la massa muscolare, riducendo i dolori articolari e quindi permettendo di muoversi con maggiore costanza.

Praticare yoga induce a condurre uno stile di vita più sano. Se, insieme a questa disciplina, si viene a creare una routine, che include anche il fitness, la perdita di peso può essere ancora più veloce.

Fare regolarmente yoga offre molti vantaggi, tra i quali spiccano lo stare meglio con il proprio corpo, diventando man mano più forti, tonificare i muscoli, ridurre lo stress e rendere più valido il proprio benessere psicofisico.

Come può, allora, aiutare a perdere peso? Sicuramente dando un senso di benessere, che comporta il miglioramento nella vita di tutti i giorni, incoraggiando a uno stile di vita sano. Per capirci meglio, aiutandoci a cambiare mentalità, a volerci più bene, ad ascoltarci.

Ma quali sono i metodi che possono apportare questo cambiamento? Cosa può fare e cosa non può fare lo yoga? Che tipo di grasso possiamo perdere praticandolo? Cerchiamo di dare una risposta a questi interrogativi in questo articolo, seguici!

Come lo yoga può aiutare a perdere peso

Se vogliamo attenerci a ciò che dice Judi Bar, responsabile del programma di yoga presso il Cleveland Clinic Center for Integrative Medicine in Ohio, e insegnante certificata dall’Associazione Internazionale di Yoga Therapists e Yoga Alliance, lo yoga, fatto in modo costante, diventa un vero e proprio cambiamento di vita.

Secondo la sua ricerca, realizzata in collaborazione con altri studiosi, infatti, sono molti i vantaggi nel praticare lo yoga, inclusa la perdita di peso. Questo studio ha infatti dimostrato che praticare questa disciplina comporta un buon dispendio energetico, un incoraggiamento all’allenamento dovuto a una riduzione del dolore fisico, un miglioramento dell’umore e una migliore connessione al proprio corpo.

Esiste un altro studio, del 2016, pubblicato in un numero speciale di Yoga in Prevention and Therapy, che ha analizzato i dati raccolti in interviste fatte a 20 adulti, che hanno sostenuto di aver perso peso tramite lo yoga.

Secondo i ricercatori, sono stati cinque i fattori che hanno aiutato i partecipanti allo studio a dimagrire:

  • Il passaggio a un’alimentazione più sana
  • L’impatto con la comunità e la cultura yoga
  • I cambiamenti apportati al fisico
  • I cambiamenti psicologici
  • La convinzione di poter perdere peso con un metodo migliore

Basandoci su queste testimonianze, possiamo dedurre quali siano i modi in cui lo yoga possa aiutare a perdere peso, che vediamo di seguito.

1. La consapevolezza di cosa mangiamo

Sat Bir Singh Khalsa, professore associato di medicina presso la Harvard Medical School di Boston e direttore della ricerca presso Yoga Alliance, sostiene che, sul tappetino yoga, facciamo molto più che rafforzare semplicemente i nostri muscoli.

Mantenere a lungo una postura vuol dire connettersi con tutto il corpo, monitorando il proprio respiro e facendo attenzione a ciò che mente e fisico si stanno comunicando e, a loro volta, vogliono dire a noi.

Questa consapevolezza alla quale si perviene può aiutare a praticare abitudini alimentari altrettanto consapevoli. In questo modo, infatti, si comprende quando si ha fame e si evita di cadere nelle abbuffate.

Con la pratica, si impara anche la qualità del cibo, quindi quale ci dà maggiore energia e quale ci fa sentire stanchi e gonfi. In un suo articolo, Khalsa sostiene che lo yoga ha il pregio di aiutare a ridurre i grassi alimentari, sostituendoli con le verdure, i cereali integrali e i prodotti a base di soia.

In uno studio pubblicato nel 2015 sul Journal of Sport and Exercise Psychology, ha analizzato i dati derivati da un sondaggio fatto a 159 donne, che praticavano regolarmente lo yoga e anche esercizi cardio. Ciò che ne concluse fu che chi si dedicava alla prima disciplina aveva meno probabilità di lasciarsi andare a schemi alimentari disordinati rispetto a coloro che praticavano cardio.

2. La gestione dello stress

Anche se non sembra possibile, lo stress è uno dei fattori che contribuiscono all’aumento di peso, specialmente quello cronico, che non si riesce a gestire. Proprio questo è il problema sul quale interviene lo yoga, se pensiamo a due elementi cardine della disciplina, ovvero la respirazione e la meditazione.

Grazie a queste due pratiche l’energia aumenta e lo stress diminuisce, con un conseguente miglioramento dell’umore. Secondo Sundar Balasubramanian, assistente professore presso la Medical University of South Carolina a Charleston, è proprio la respirazione yogica a promuovere il benessere di tutti coloro che hanno malattie di ogni tipo, incluse quelle croniche.

Il dottor Balasubramanian afferma che il principale nemico contro la perdita di peso è il cortisolo, il cui livello si innalza quando si è molto stressati e si dorme poco. Grazie alla respirazione profonda e quindi alla pratica del Pranayama, è possibile invertire gli effetti negativi in questione.

Ad avvalorare questa tesi c’è una recensione pubblicata a dicembre 2017 sulla rivista Psychoneuroendocrinology, che ha analizzato i dati di ben 42 studi sullo yoga, in relazione alla sua associazione con l’abbassamento dei livelli del cortisolo di sera, durante la veglia, alla regolarizzazione della frequenza cardiaca a riposo e, in generale, ai livelli di colesterolo nel sangue, che si mantengono bassi grazie alla sua pratica.

3. Il miglioramento della massa muscolare

Un altro modo per perdere peso, senza compromettere la tonicità corporea, è la costruzione della massa muscolare, che lo yoga può aiutare a fare. Carol Krucoff, istruttrice certificata dall’Associazione internazionale di terapisti yoga e Yoga Alliance e terapista yoga presso la Duke Integrative Medicine di Durham, nella Carolina del Nord, afferma che, per rafforzare i muscoli, non c’è necessità di sollevare i pesi.

Lo yoga, infatti, usa il peso corporeo come forma di resistenza, per raggiungere equilibrio. La posa che si è soliti assumere, in molte sequenze, equivale al plank: si usano infatti i muscoli delle spalle, il core, quelli delle gambe e dei fianchi, per sostenere il corpo.

In questo modo, inoltre, il fisico fa fatica, quindi brucia le calorie: secondo una ricerca pubblicata a giugno 2016, sulla rivista Preventive Medicine, che ha esaminato 30 studi con più di 2000 partecipanti, lo yoga può ridurre il rapporto vita-fianchi negli adulti sani, oltre all’indice di massa corporea, o BMI, in chi è in sovrappeso o obeso.

Secondo altre ricerche ancora, le lezioni di yoga più lente sono in grado di migliorare i livelli di glucosio a digiuno in chi è obeso o in sovrappeso.

Quanto è importante il sostegno della comunità yoga?

Se non si è abituati ad andare in palestra, l’impatto con questo ambiente può non essere il massimo, addirittura si può essere intimiditi dal frequentare un luogo in cui, magari, si vedono persone allenate, mentre noi siamo in sovrappeso.

Al contrario, l’ambiente e la cultura dello yoga forniscono supporto e accettazione, per cui si può prendere a esempio l’insegnante se si vuole essere ispirati e condurre uno stile di vita più sano.

Secondo una ricerca, i social network influenzano i comportamenti che vanno a incidere sull’accumulo di peso: la rete creata dalla comunità yoga incoraggia invece a mantenere uno stile di vita sano, fornendo il giusto sostegno ai suoi allievi.

Per fare in modo che ciò avvenga, i praticanti devono vivere in un ambiente sicuro, confortevole, per avere maggiore fiducia in sé: per questo è opportuno fare una lezione di prova, così da capire se abbiamo scelto il luogo giusto e la gente che fa per noi.

L’insegnante è poi colui o colei che deve seguirci, farci sentire a nostro agio, farci capire che l’attività fisica non è dedicata a chi è magro e che non dobbiamo sentirci in difetto per questa condizione.

I benefici di questa disciplina sono infatti universali, per cui sta a noi praticarla con costanza, se vogliamo ottenere dei risultati duraturi nel tempo.

Quali tipi di yoga possono aiutare a perdere peso?

Essere in sovrappeso non vuol dire non essere allenati, per cui dovrete scegliere il tipo di yoga in base al vostro livello di preparazione. Possiamo dire che i metodi come il Vinyasa sono quelli da preferire, specialmente perché includono delle sequenze che richiedono lavoro aerobico, come il Saluto al sole.

Per l’esattezza, i tipi di Vinyasa yoga che, con la pratica, vi aiuteranno a dimagrire sono:

  • Ashtanga: si tratta di uno stile molto vigoroso, che segue sempre la stessa serie di pose, per cui, una volta imparate, potrete esercitarvi anche a casa.
  • Power Yoga: molto popolare nelle palestre e nei centri benessere, questa disciplina si basa sulla costruzione del calore e dell’intensità dell’Ashtanga, senza seguire pose fisse.
  • Hot Yoga: lo yoga Vinyasa, fatto in una stanza calda, aumenterà il dispendio energetico.

Riassumendo, il Vinyasa yoga assicura un allenamento più vigoroso, con una sequenza di pose fisse, movimenti veloci e ottimi quindi per bruciare le calorie. A differenza di questo, lo yoga gentile, meno faticoso, si incentra sullo stretching, è adatto a tutte le età, connette mente e corpo e incoraggia il rilassamento.

Apporta in ogni caso benefici e per l’esattezza parliamo di questi metodi:

  • Hatha Yoga: anche se non tutte le posizioni sono a basso impatto energetico, usiamo questo termine per indicare ciò che non è una classe di Vinyasa.
  • Integral Yoga: con questo termine si indica lo yoga che porta appunto a “integrare” corpo e mente, con lo scopo di essere più rilassati. In questo modo, rientrando in contatto con il nostro corpo, avremo maggiore consapevolezza e ci vorremo più bene.
  • Kripalu Yoga: noto per la sua accettazione di tutti i livelli di pratica e corpo, questo metodo è ideale per chi è molto teso e non vuole iniziare un’attività fisica. Il suo approccio è molto inclusivo e adatto quindi anche a chi ha queste remore.

Dove posso perdere il grasso accumulato, facendo yoga?

Possiamo dire, basandoci su una ricerca fatta a Harvard, che per perdere il grasso localizzato sulla pancia, oltre alla nutrizione, è bene curare l’allenamento, che deve essere intenso. Quello di resistenza, assicurato da alcuni metodi yoga di cui abbiamo parlato, è ideale proprio a questo scopo.

Tuttavia, un altro fattore che induce il grasso ad accumularsi sull’addome è lo stress, per cui praticare degli asana di rilassamento può essere fondamentale per eliminarlo.

Quanto peso posso perdere facendo yoga?

Dipende da vari fattori, come il sonno, la nutrizione e la calma interiore: per questa ragione, è possibile perdere anche 500 g a settimana, pur di seguire uno stile di vita che includa la consapevolezza di ciò che si mangia.

Molto importante è che ci siano verdure e cibi integrali, che portano via le tossine che, altrimenti, si accumulano nel corpo, comportando anche un aumento di peso.

Come posso inserire lo yoga nel mio programma di dimagrimento?

Ci sono alcuni suggerimenti che possiamo darvi in merito, per fare in modo che lo yoga non diventi un obbligo o anche fonte di ulteriore stress.

  • Inizia lentamente: è molto importante non avere fretta, quindi partire da stili meno duri, facili da seguire, che possano appassionare allo yoga. Un maestro che segua è di fondamentale importanza; quando avrete maggiore dimestichezza, potrete passare, se lo volete, al Flow Yoga o all’Hot Yoga, che comportano un maggiore dispendio energetico.
  • Scegli lo stile e l’istruttore giusti per te: se hai già in mente cosa fare, puoi orientarti su una classe che si concentri sulla respirazione, sulla meditazione o sul rafforzamento dei movimenti. Tutto dipende dal proprio grado di preparazione, quindi meglio non avere fretta ma seguire il proprio corpo.
  • Associa altri tipi di movimento: se vuoi perdere molto peso, devi scegliere una classe abbastanza impegnativa oppure partire da quella più semplice, integrando degli esercizi aerobici, come fare jogging o andare in bici.

Conclusione

Lo yoga può aiutare a perdere peso, migliorando nel complesso il nostro stile di vita, rendendoci consapevoli del nostro corpo, riducendo lo stress e insegnandoci a volerci bene, ad ascoltarci, comprenderci e perdonarci.

Lo scopo di questa disciplina è quello di connettere mente, corpo e spirito, per garantire una vita serena e nel rispetto del nostro essere. Se vuoi perdere peso, praticando questa disciplina, scoprirai che puoi ottenere molto di più da una semplice lezione.

Non avrai problemi a essere costante, visto che la comunità yoga offre un grande sostegno: buon lavoro!

Hai trovato questo articolo utile?

  1. Adam M. Bernstein et al. (2013). Yoga in the Management of Overweight and Obesity
    https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/1559827613492097
  2. A Ross, A Brooks, K Touchton-Leonard, G Wallen (2016). A Different Weight Loss Experience: A Qualitative Study Exploring the Behavioral, Physical, and Psychosocial Changes Associated with Yoga That Promote Weight Loss
    https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27594890/
  3. Rachel Martin et al. (2015). The Role of Body Awareness and Mindfulness in the Relationship Between Exercise and Eating Behavior
    https://journals.humankinetics.com/view/journals/jsep/35/6/article-p655.xml
  4. Michaela C. Pascoe e David R. (2017). Yoga, mindfulness-based stress reduction and stress-related physiological measures: A meta-analysis
    https://www-sciencedirect-com.translate.goog/science/article/abs/pii/S0306453017300409
    Romy Lauche, Jost Langhorst, Myeong Soo Lee, Gustav Dobos e Holger Cramer (2016). A systematic review and meta-analysis on the effects of yoga on weight-related outcomes
    https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0091743516300366
  5. Alka M Kanaya et al. (2013). Restorative yoga and metabolic risk factors: the Practicing Restorative Yoga vs. Stretching for the Metabolic Syndrome (PRYSMS) randomized trial
    https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24418351/
  6. A. Ross, A. Brooks, K Touchton-Leonard, G Wallen (2016). A Different Weight Loss Experience: A Qualitative Study Exploring the Behavioral, Physical, and Psychosocial Changes Associated with Yoga That Promote Weight Loss
    https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27594890/
  7. Amy Roeder, The Harvard Gazette (2014). Using weights to target belly fat
    https://news.harvard.edu/gazette/story/2014/12/using-weights-to-target-belly-fat/