Perché L’allineamento È Importante Nello Yoga

Minor sforzo, massima efficacia: scopriamo l’allineamento e i suoi principi fondamentali

Perché L’allineamento È Importante Nello Yoga
INDICE

L’allineamento nello yoga è fondamentale perché determina il modo in cui muscoli e articolazioni collaborano durante l’esecuzione delle pose, al fine di massimizzare l’efficacia degli esercizi e ridurre al tempo stesso il rischio di possibili lesioni.

L’allineamento tiene conto del lato estetico: tuttavia, come ci sentiamo durante la posa è più importante di come essa appare.

Quante volte ci sarà capitato di guardare affascinati quelle immagini su Instagram che ci mostrano alcune pose dello yoga eseguite in maniera impeccabile?

Questo ci fa capire che nella disciplina non contano solo i passaggi utili all’esecuzione degli esercizi, ma il modo in cui il nostro corpo si atteggia nel metterli in pratica: questo è, in altre parole, l’allineamento, ovvero quella serie di indicazioni che il nostro insegnante di yoga ci fornisce ancor prima di cimentarci in una posa.

Esso è importante perché ci consente non solo di svolgere le pose con più facilità, ma anche di ridurre l’affaticamento e il rischio di lesioni causate da una posizione scorretta.

Per quanto l’allineamento tenga conto del lato estetico della posa, ognuno di noi possiede un corpo che si comporta in modo diverso, motivo per cui è più importante come ci sentiamo durante gli esercizi rispetto al risultato finale.

Ti mostriamo di seguito cos’è l’allineamento e perché è importante, alcune sue accezioni e un elenco di consigli che potrai adottare durante le tue lezioni di yoga.

Cos’è l’allineamento?

L’allineamento si riferisce, per la precisione, al modo in cui una posa dovrebbe idealmente risultare tramite il posizionamento delle articolazioni e delle fasce muscolari.

Possiamo immaginarlo come una linea che parte dalla sommità della testa e che percorre tutto il nostro corpo, fino ad arrivare ai piedi; e, proprio perché i nostri corpi sono diversi, il risultato finale in termini di espressione della posa sarà differente per ognuno di noi.

Il sollevamento delle braccia sopra la nostra testa, per esempio, potrebbe risultare da un punto di vista estetico completamente diverso rispetto a quello del nostro compagno.

A dispetto delle apparenze, l’allineamento non consiste nella realizzazione di angoli perfetti e linee dritte, bensì nel perfezionare queste linee secondo le proprie capacità.

Per questo stesso motivo, gli yogi si servono spesso di una serie di strumenti – tra cui cinghie, blocchi, la ruota per lo yoga o delle sedie create appositamente per la pratica, al fine di eseguire le pose tenendo conto delle proprie esigenze.

Ciò significa che, indipendentemente dal proprio livello di flessibilità e resistenza, quasi ogni posa può essere eseguita da chiunque, con modifiche più o meno importanti.

Uno studio ha dimostrato che determinati esercizi di yoga, eseguiti sotto la supervisione di esperti, hanno favorito l’allineamento posturale e il rafforzamenti muscoli estensori del petto, migliorando la funzione polmonare di bambini affetti da asma.

Perché è importante?

Il principale obiettivo dell’allineamento è quello di rendere più semplice l’esecuzione delle pose, riducendo l’affaticamento e il rischio di incorrere in possibili lesioni.

Vi sono alcuni yogi che, anche se alle prime armi, si cimentano in pose più impegnative senza conoscere l’importanza di mantenere i piedi, le ginocchia o le braccia in una determinata posizione.

L’allineamento è uno dei principi fondamentali dello yoga proprio perché, ancor prima di passare a uno step successivo – come la pratica dello yoga per due o di particolari inversioni – ci insegna una serie di elementi grazie ai quali saremo in grado sia di eseguire le pose nel modo migliore, sia di massimizzare i loro effetti.

Tipi di allineamento

Nonostante il fulcro dell’allineamento risieda nel come percepiamo una posa e non nella sua perfetta e ideale riproduzione, possiamo distinguere in esso due tipologie: allineamento funzionale ed estetico.

Vediamo in cosa consistono e quali sono gli elementi che le differenziano.

Allineamento funzionale

Si tratta della tipologia alla quale abbiamo fatto finora riferimento, basata sulla combinazione dei movimenti di muscoli e giunture per ottimizzare il loro funzionamento.

Capire come allinearli si traduce in una migliore performance delle pose e in un maggior livello di sicurezza per il nostro corpo quando le mettiamo in pratica.

L’allineamento funzionale tiene in considerazione il benessere del tuo corpo e le tue capacità, insegnandoti a non spingerti oltre i tuoi limiti e adottando alcune variazioni nelle pose – come l’utilizzo dei blocchi o un movimento differente – utili ad adattare l’esercizio alle tue esigenze.

Un esempio di questo tipo di allineamento risiede in una delle posizioni di partenza dello yoga, la posa della montagna.

Essa consiste nel mantenere la testa, il collo, la colonna e il bacino sulla stessa linea, in modo da favorire il focus sul momento presente e lo sviluppo della percezione del proprio corpo.

In questo caso ci saranno coloro che, a causa per esempio di una ridotta mobilità della colonna, da un punto di vista di forma potrebbero non rispecchiare la posa ideale; tuttavia, farlo significherebbe forzare il proprio corpo in una posizione che potrebbe causare disagio e dolore.

L’allineamento funzionale rivolge quindi la sua attenzione alle prestazioni e al benessere fisico, mentre il lato estetico passerà in secondo piano.

Allineamento estetico

Questa tipologia non tiene conto dei bisogni del nostro corpo e delle nostre capacità, ma si rivolge esclusivamente al canone di posa perfetta che si può ottenere – come, appunto, quelle delle immagini che possiamo incontrare nei social.

Tuttavia, la riproduzione di linee e angoli perfetti non è accessibile a tutti perché, come abbiamo visto, ciascuno di noi possiede le proprie forme e una personale mobilità, indipendentemente dal grado di resistenza e flessibilità di cui il nostro corpo è dotato.

Possiamo trovare un esempio di allineamento estetico nella posizione del guerriero, in cui i fianchi risultano perfettamente allineati con i nostri piedi.

Tieni sempre a mente che, anche se il tuo corpo non dovesse rispecchiare l’ideale riproduzione di una posa, se hai adottato i principi dell’allineamento suggeriti dall’insegnante il movimento risulterà ugualmente funzionale ed efficace.

Quali sono i principali infortuni che possono derivare da un allineamento errato?

L’allineamento è particolarmente importante per proteggere le articolazioni, che risultano piuttosto esposte quando si eseguono piegamenti, torsioni e quando vengono caricate col peso corporeo.

Un disallineamento durante gli asana, può condurre ad infortuni delle seguenti parti del corpo:

  • Polsi
  • Spalle
  • Gomiti
  • Zona lombare
  • Ginocchia
  • Collo
  • Bacino

Consigli per un allineamento efficace

image

Ascolta il tuo corpo

La fretta nello yoga è in cima alla lista delle cose da non fare.

Che sia per una questione di sicurezza o di efficacia della posa, è fondamentale che ogni movimento venga eseguito lentamente e con attenzione.

Una volta acquisiti i passaggi di cui un esercizio si compone, focalizzati sul tuo corpo e sul tuo respiro: in altre parole, “pensa” al movimento e valuta se il tuo corpo si sente a tuo agio nel compierlo.

Questo renderà i tuoi movimenti più fluidi e ti aiuterà a sviluppare la consapevolezza corporea, fondamentale nella pratica dello yoga.

Mantieni il collo in linea con la colonna

La zona cervicale è indubbiamente tra le più sensibili: può bastare irrigidire il collo in una determinata posizione a causarti fastidiose tensioni e contratture.

Il collo è parte integrante della colonna: mantenerlo allineato con la schiena ti consentirà di migliorare l’esecuzione degli esercizi e il respiro, oltre a tenere lontane eventuali lesioni.

Questo è un principio valido per qualsiasi posa dello yoga, che tu stia eseguendo un esercizio in piedi, un’inversione o un piegamento.

Posizionamento delle giunture

Il posizionamento delle giunture è una delle regole più importanti ed efficaci dell’allineamento.

Tutti quegli accorgimenti che gli insegnanti ci suggeriscono e che ritroviamo in buona parte delle pose – i piedi paralleli tra loro, le gambe divaricate alla stessa distanza dei fianchi, le spalle rilassate e in linea con i polsi – sono fondamentali a mantenere la stabilità nelle pose e l’equilibrio, rendendoti di conseguenza più semplice la loro esecuzione.

Il mantenimento della gamba a contatto con il pavimento in linea con i fianchi, per esempio, nella posizione dell’albero, ti consente di individuare più facilmente il tuo baricentro e di mantenere l’equilibrio più a lungo.

Non sottovalutare i micro-piegamenti

Si tratta di un suggerimento che ritroviamo non solo nello yoga, ma in tutti gli sport che implicano mantenere una certa posizione per un determinato periodo di tempo.

Che si tratti della posizione del cane a faccia in giù o della posa dell’albero, l’insegnante di yoga ti suggerirà sempre di non distendere eccessivamente le gambe o le braccia, al fine di non danneggiare le articolazioni.

Nella posa del cane a faccia in giù sentiamo il nostro peso spostarsi nella parte superiore del corpo: piegare lievemente i gomiti ti aiuterà a preservare le articolazioni da possibili lesioni.

Serviti dei supporti

Serviti dei supporti

Uno degli elementi che rende lo yoga una disciplina flessibile è sicuramente l’utilizzo dei supporti, tra cui i blocchi, i cuscini, le cinghie, la ruota e tanti altri.

Questi elementi si rivelano particolarmente efficaci sia per intensificare lo stretching di determinate parti del corpo (come nel caso della ruota) sia per aiutarti a mantenere una posa più a lungo nel tempo.

Tra i loro utilizzi troviamo, per esempio, i blocchi per il sostegno della zona cervicale, o un asciugamano piegato sotto i glutei per una seduta più comoda durante la pratica.

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto l’importanza che l’allineamento riveste nello yoga, le sue diverse accezioni e alcuni dei principi chiave utili a praticarlo nel modo corretto.

L’allineamento mira a coniugare i movimenti di muscoli e articolazioni allo scopo di usufruire dei benefici di ogni posa nel modo più completo possibile.

Tieni sempre a mente che il lato estetico, per quanto affascinante, non è il suo obiettivo fondamentale.

Potresti anche decidere, in futuro, di dedicare le tue energie alla realizzazione della massima espressione delle pose: l’importante è non sottovalutare mai i segnali che il nostro corpo ci invia, come una sensazione di dolore o di fastidio inaspettata.

Ricorda che il mondo dello yoga ha tra le sue parole d’ordine la calma, il rilassamento e il benessere del nostro corpo: tutto il resto passa in secondo piano.

Hai trovato questo articolo utile?