Tutte le buone ragioni per iniziare la tua giornata con una camminata

Qualità del sonno, energia e umore: ecco perché dovresti camminare al mattino!

Tutte le buone ragioni per iniziare la tua giornata con una camminata
INDICE

Quando ci alziamo al mattino, i nostri pensieri corrono verso una bella tazza di caffè fumante o verso la riunione di lavoro che ci aspetta di lì a poche ore, uscire a camminare non è certo la nostra priorità! Invece, dovremmo iniziare proprio con una routine sana e positiva perché può dare una svolta alla nostra giornata.

Camminare al mattino migliora la nostra salute e anche il nostro mindset, segno che dovremmo dedicare almeno 30 minuti a questa attività ogni giorno per essere più positivi e produttivi nel resto della giornata. Non è necessario essere atletici o sportivi, puoi cogliere l’occasione per andare a piedi al lavoro, per comprare il giornale il mattino presto prima di recarti in ufficio o, perché no, è un ottimo motivo anche per non arrabbiarti se non trovi parcheggio nelle vicinanze del tuo studio.

Secondo un sondaggio tedesco, la fascia di popolazione che più si dedica alla camminata nel tempo libero è quella compresa tra i 50 e i 59 anni, probabilmente perché camminare è un’attività fisica semplice e, soprattutto, molto salutare. Vediamo insieme quali sono tutte le buone ragioni per cui dovremmo iniziare la giornata con una camminata!

8 motivi per cui dovresti camminare al mattino secondo la scienza

Camminare è una delle attività fisiche più diffuse in tutto il mondo, negli Stati Uniti circa 111 milioni di persone ogni anno camminano per mantenersi in forma e preservare la propria salute. Il fitness è importante all’interno della nostra giornata e il cammino è l’attività per eccellenza alla portata di tutti: ognuno con il proprio ritmo, ognuno con la propria velocità. Che siano decine di chilometri o qualche centinaio di metri, tutti possiamo concederci una camminata, a seconda delle nostre possibilità. Ma perché dovremmo camminare proprio al mattino?

1. Migliora l’umore

Ebbene sì, non si tratta di una leggenda metropolitana, camminare migliora davvero il nostro umore. In particolare, camminare sposta l’equilibrio del nostro organismo verso il sistema nervoso parasimpatico e, di conseguenza, influisce su tutta una serie di sintomi molto soggettivi come:

  • Autostima
  • Stress
  • Ansia
  • Fatica
  • Depressione

Quindi, non si tratta solamente di migliorare il nostro umore, camminare dà una vera svolta alla qualità della nostra vita in termini di positività. Non serve percorrere una maratona ogni mattina, sono sufficienti 20-30 minuti di camminata, almeno 5 volte a settimana, per vedere i risultati.

2. Migliora la salute fisica

Camminare è a tutti gli effetti un’attività fisica che non ha nulla da invidiare agli sport più impegnativi come la corsa e gli esercizi aerobici. Secondo uno studio, infatti, camminare per almeno 30 minuti al giorno riduce del 19% il rischio di avere problemi cardiovascolari e influisce positivamente sul livello di zuccheri nel sangue aiutando a contrastare il diabete. Insomma, un’attività davvero semplice e poco dispendiosa che ci permette di ottenere grandi risultati in termini di salute! Non ci sono distinzioni di sesso né di età: camminare fa bene a tutti ed è un metodo naturale e privo di controindicazioni per mantenere in forma il nostro fisico.

  • Minor rischio di problemi cardiovascolari
  • Migliore controllo del diabete
  • Migliore attività del sistema immunitario

3. Migliora la qualità del sonno

Se soffri di insonnia o fai fatica a dormire la notte, camminare al mattino può essere un’ottima soluzione per gestire al meglio questo problema. Una ricerca ha comparato dei soggetti adulti affetti da insonnia e ha rilevato che chi camminava al mattino riusciva a dormire meglio rispetto a chi camminava la sera. Perché? Camminare al mattino aiuta il nostro corpo a seguire il ritmo circadiano: una buona attivazione all’inizio della giornata aiuta il nostro organismo a riconoscere quando è il momento di recuperare le energie e riposare.

Questa semplice routine giornaliera scandisce gli orari della giornata e ci consente di addormentarci con maggiore facilità la sera. Spesso, infatti, i problemi legati all’insonnia sono dovuti a dei ritmi scorretti, a delle mattine lunghe in cui si va al lavoro ma non si entra davvero nel pieno dell’attività fino alle 10 o alle 11, quando ci sentiamo veramente svegli. Alzarsi 30 minuti prima per andare a camminare e prendere un po’ d’aria fresca ci stimola a uscire subito dalla fase di dormiveglia e ci rende attivi fin dall’inizio della giornata, in questo modo al nostro corpo verrà spontaneo, la sera, riconoscere che è il momento del riposo.

4. Migliora la concentrazione

Alzarsi il mattino e fare una camminata di almeno 30 minuti prima di recarsi a lavoro aiuta davvero a iniziare la giornata con il piede giusto. Non è solo il nostro fisico a ringraziarci, ma anche la nostra mente! Un recente studio ha rilevato che una passeggiata di prima mattina migliora:

  • La concentrazione
  • L’attenzione
  • La capacità di problem solving
  • La chiarezza mentale
  • La creatività
  • Il brainstorming

Ecco perché prima di una riunione importante o di un colloquio di lavoro dovresti concederti una camminata: migliora le performance mentali e ti rende più concentrato e attento.

5. Aumenta l’energia corporea

Camminare per una ventina di minuti al mattino presto migliora la vitalità e l’energia del nostro corpo. In particolare, uscire all’aria aperta è molto più efficace piuttosto che camminare al chiuso. Questo perché stare a contatto con la natura e con l’ambiente ci rende più ricettivi e ci aiuta a focalizzare meglio gli obiettivi della giornata e ad allontanare le preoccupazioni e gli stress che affollano la nostra mente. Aldilà di ogni convinzione, una camminata di prima mattina ci dà più energia del tanto agognato caffè e ci prepara non solo dal punto di vista mentale ma anche da quello fisico per affrontare al meglio la giornata.

6. Aiuta a perdere peso

Lo sappiamo tutti, l’attività fisica è essenziale per mantenere una buona forma fisica, non è sufficiente una alimentazione adeguata per mantenere sotto controllo il peso corporeo. Spesso siamo impazienti di raggiungere i primi risultati e iniziamo con attività super impegnative per poi abbandonare il fitness dopo pochi giorni, esausti. Camminare per 30 minuti al giorno ci aiuta a bruciare le [LINK] calorie necessarie per perdere peso e, associando una dieta sana ed equilibrata, a ottenere i primi risultati dopo poche settimane.

Si può perdere peso solo camminando? Ti stai chiedendo se la sola camminata sia sufficiente per perdere peso o se debba, invece, essere associata ad altre attività più impegnative? Sì, camminare è sufficiente! Una passeggiata di 30 minuti ci consente di bruciare circa 150 calorie al giorno, certo non è come [link] allenarsi con l’ellittica ma è sufficiente per perdere peso a patto che si assuma anche un regime alimentare adeguato.

7. Rinforza la muscolatura

Camminare è un esercizio fisico a tutti gli effetti e, rispetto a quanto si possa pensare, è anche molto completo dal punto di vista dell’allenamento muscolare. La camminata, infatti, stimola la contrazione di tutti i muscoli delle gambe, dei piedi e del bacino: niente di meglio per incrementare la resistenza muscolare! Che tu preferisca camminare all’aperto o in casa con un tapis roulant, mantenere un passo rapido è più che sufficiente per allenare le gambe in modo completo, senza ricorrere a esercizi specifici. Quando hai raggiunto una certa resistenza e anche la tua capacità respiratoria è migliore, puoi permetterti di intensificare il cammino variando il dislivello, per esempio percorrendo discese e salite.

8. Aiuta a non procrastinare

Tutti, prima o poi, cadiamo vittime della classica frase “Lo faccio dopo”! Alcuni di noi sono dei procrastinatori seriali e avere una routine è molto importante per mantenere il focus sui nostri obiettivi e per non farci assalire dalla pigrizia. Soprattutto per quanto riguarda l’esercizio fisico: può capitare di alzarsi al mattino e di non avere voglia di uscire a camminare, può capitare di tornare stanchi la sera dal lavoro e di non avere sufficientemente energia per il fitness. Se ci affidiamo alla filosofia del “Lo faccio dopo” rischiamo di non farlo più, di rimandare e rimandare e rimandare… Ci sarà sempre un motivo per posticipare l’esercizio fisico! Se, invece, prendiamo l’abitudine e ci imponiamo di camminare al mattino, niente che possa accadere durante la giornata potrà influenzare la nostra attività fisica.

Camminare al mattino: prima o dopo colazione?

Ok, hai deciso di dedicare mezz’ora di tempo al mattino per una camminata energizzante, e adesso? Qual è il momento migliore? Prima o dopo colazione? Non esiste una regola universale, devi assecondare i bisogni del tuo corpo.

  • Alcune persone preferiscono camminare a stomaco vuoto perché si sentono più leggere
  • Altre persone preferiscono camminare a stomaco pieno perché agevolano la digestione

Una cosa è certa: dopo aver camminato devi assolutamente mangiare per recuperare le energie e per preparare il tuo corpo ad affrontare la giornata! Il nostro consiglio è quello di concederti un piccolo snack, per esempio un frutto, prima di camminare e poi di fare la vera e propria colazione al tuo rientro.

Attenzione:
Se soffri di diabete o di glicemia alta, il momento migliore per una camminata è dopo i pasti perché l’attività fisica permette di controllare la glicemia e il livello di zuccheri nel sangue. In caso di patologie metaboliche il fitness è molto importante perché aiuta il corpo a mantenere il peso forma e previene l’insorgenza di complicanze

Ecco come dovrebbe essere la tua morning routine

Alzarti 30 minuti prima ti sembra impossibile? Non sai proprio come inserire la camminata all’interno della tua routine del mattino? Ecco i nostri consigli per non perdere troppo tempo e rendere il fitness parte integrante della tua vita:

  1. La sera prima, prepara i vestiti per uscire a camminare e lascia le sneakers davanti alla porta così non dovrai perdere tempo a decidere cosa indossare.
  2. Prendi l’abitudine di andare a letto 20-30 minuti prima, così non farai fatica ad alzarti in anticipo per andare a camminare.
  3. Cerca un percorso piacevole vicino a casa tua, preferibilmente un luogo a stretto contatto con la natura come un parco.
  4. Mettiti d’accordo con un amico o con un collega di lavoro. Camminare insieme non è solo divertente ma ti aiuta anche a mantenere alta la motivazione e a non procrastinare quando ti viene voglia di restare a letto.
  5. Fai uno spuntino veloce prima di andare a camminare, possibilmente un frutto.
  6. Al tuo ritorno, fai una colazione nutriente e sana per fornire al tuo corpo tutte le energie necessarie per affrontare la giornata.

Se pensi che sia impossibile trovare il tempo per camminare al mattino, modifica il tragitto per andare a lavoro in modo da raggiungere l’ufficio a piedi. Puoi parcheggiare a qualche isolato di distanza, o scendere dall’autobus una o due fermate prima del previsto. Questo ti permette di avere del tempo per una sana camminata senza, tuttavia, dover indossare un outfit adeguato o dover fare una doccia al rientro.

Se abiti in una zona molto trafficata e non hai a disposizione un ambiente adatto per camminare, non nelle immediate vicinanze almeno, puoi sempre utilizzare un tapis roulant: imposta il timer, seleziona il tipo di pendenza desiderato, accendi la tua serie tv preferita e inizia la tua attività fisica giornaliera con entusiasmo! Oggi moltissimi sport vengono praticati in casa, le lezioni online sono sempre più diffuse e apprezzate, quindi nulla ti vieta di camminare indoor. In salotto, in camera o nella tua mini palestra personale, ogni luogo è perfetto per concedersi 30 minuti di camminata ogni mattina.

Conclusione

Camminare al mattino è un ottimo modo per iniziare la giornata con il piede giusto e per prendersi cura del proprio corpo in modo ottimale. Camminare è l’attività fisica più semplice e immediata, che non richiede alcuna competenza né alcuno strumento e apporta numerosi effetti positivi al nostro organismo sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico.

La società dovrebbe essere sensibilizzata su questa tematica perché il cammino gioca un ruolo molto importante sulla salute pubblica: riduce l’incidenza di patologie cardiovascolari ed è quasi del tutto esente da rischi e complicanze! Inserire il cammino all’interno della propria routine è fondamentale per non procrastinare e per abituare il corpo al giusto ritmo sonno-veglia. Che sia una passeggiata al parco, un giro del vicinato insieme al proprio cane, o 20 minuti sul tapis roulant, camminare di prima mattina è un’abitudine salutare e molto positiva che ci aiuta ad affrontare al meglio la giornata.