Uddiyana Bandha: Cos’è e Quando Si Usa?

Scopriamo uno dei più efficaci sigilli dello Yoga e i suoi benefici

Uddiyana Bandha cos’è e quando si usa
INDICE

Nello Yoga si è soliti dire che praticare Uddiyana Bandha ogni giorno faccia tornare giovane chi non lo è più. Perché?

Tra i principali vantaggi di questa tecnica vi è un generale benessere fisico da diversi punti di vista, tra cui la regolazione del flusso sanguigno, il rafforzamento della muscolatura addominale e il miglioramento della digestione.

La disciplina dello yoga ha come punti di riferimento le posture, le tecniche di respirazione e i sigilli, tra cui appunto l’Uddiyana Bandha, considerato tra i più efficaci. In questo articolo spiegheremo in cosa consiste la tecnica, come e quando si pratica e i suoi principali benefici.

A primo impatto potrà sembrare complicata, ma, come avrai modo di vedere, uno dei segreti per eseguirla ad hoc consiste nel rilassamento della muscolatura addominale.

Scopri perché dovresti praticarla!

Cos’è Uddiyana Bandha?

Si tratta di un esercizio appartenente alle tecniche di Pranayama: in sanscrito, Uddiyana sta per “sollevare, volare verso l’alto”, mentre bandha indica l’azione di “contrarre, chiudere” (da qui il nome sigillo) una determinata zona del corpo. La tecnica fa infatti riferimento al movimento verso l’alto dell’addome durante l’esercizio.

Nello yoga troviamo tre tipi di bandha, più comunemente chiamati sigilli, tra cui:

  1. Mula bandha, la chiusura della parte inferiore dell’addome, quindi il pavimento pelvico;
  2. Uddiyana bandha, la chiusura dell’addome che si sposta in alto, quindi verso la gabbia toracica;
  3. Jalandhara bandha, ovvero la chiusura del collo.

Tra i tre, Uddiyana bandha è considerato il sigillo più potente grazie alla sua capacità di migliorare il tono muscolare; inoltre è efficace nella purificazione degli organi interni grazie alla regolazione del flusso sanguigno.

Lo sapevi che…

La pratica Uddiyana bandha rientra tra i migliori esercizi per il miglioramento della postura? Quando adottiamo una posizione rilassata, ad esempio quando siamo seduti, il nostro addome tende a sporgere; di conseguenza, la colonna vertebrale spesso perde la sua posizione naturale, a sfavore di una postura sbagliata.

Uno studio ha analizzato alcune immagini ricavate da una risonanza magnetica e ha evidenziato come lo “svuotamento addominale” su cui si basa la pratica Uddiyana bandha favorisca il sostegno da parte della fascia muscolare addominale che, a sua volta, mantiene la colonna nella sua posizione corretta.

Quando si usa Uddiyana bandha?

Questa pratica, a differenza di alcune tecniche di respirazione, va eseguita in un particolare momento della giornata.

Gli yogi consigliano infatti di praticare Uddiyana bandha preferibilmente al mattino e a stomaco vuoto; inoltre, non deve mai essere eseguita durante la gravidanza o il ciclo mestruale.

Durante le mestruazioni le donne sperimentano fitte e crampi nella parte inferiore dell’addome.

A causa di alcuni disordini ormonali è frequente la presenza di un ciclo irregolare, con difficoltà nell’eliminazione del flusso di sangue. Uddiyana Bandha, come dice il nome stesso, consiste in un movimento verso l’alto: se il nostro intento è quello di favorire l’eliminazione del flusso, la pratica rischierebbe di farci ottenere l’effetto contrario.

Ma come si esegue la tecnica?

Esecuzione step by step

Esecuzione step by step

Come ti abbiamo accennato prima, a primo impatto questa pratica potrebbe sembrare complicata.

Il momento più complicato dell’esercizio è il mantenimento dell’addome rilassato dopo aver eseguito una completa espirazione; tuttavia, seguendo una serie di accorgimenti che ti proponiamo di seguito, potrai eseguire ogni step senza intoppi.

  1. Per questa tecnica gli yogi consigliano di rimanere in piedi in modo da poter mantenere l’addome rilassato. Posizionati con le gambe leggermente divaricate e fletti le ginocchia. Successivamente, porta il busto in avanti e appoggia le mani sulle cosce.
  2. Inspira profondamente e butta fuori l’aria. Dovrai compiere una completa espirazione: per aiutarti immagina di soffiare dentro un palloncino e di liberarti completamente dell’aria presente nel tuo corpo.
  3. Esegui una finta inspirazione: per farlo, trattieni l’addome spingendolo all’interno e verso l’alto cercando di non far entrare l’aria dal naso o dalla bocca. Mentre esegui questo passaggio cerca di mantenere l’addome rilassato.
  4. Trattieni ancora per un momento il respiro. Noterai che si formerà una concavità profonda all’altezza del tuo addome.
  5. Rilascia il respiro e ripeti l’esercizio due o tre volte per circa quindici secondi.

A chi si rivolge Uddiyana Bandha?

A chi si rivolge Uddiyana Bandha

La pratica può essere eseguita da chiunque grazie ai numerosi benefici che apporta sul nostro organismo.

Tuttavia vi sono alcune categorie di individui per cui risulta particolarmente indicata, tra cui:

  • soggetti affetti da colon irritabile;
  • persone di mezza età.

Individui affetti da colon irritabile

La maggior parte delle nostre terminazioni nervose risiede nell’intestino.

Questo è lo stesso motivo per cui vi è un legame diretto tra stress, ansia e colon irritabile, una malattia che colpisce una grossa fetta della popolazione mondiale.

Diversi studi hanno dimostrato come le tecniche di respirazione e le posture utilizzate nello yoga si rivelino spesso più efficaci di trattamenti a base di medicinali, che si limitano a ridurre fastidi momentanei senza però produrre un effetto nel lungo periodo.

La pratica Uddiyana Bandha, grazie al rilassamento della muscolatura addominale, favorisce il ripristino del flusso sanguigno che, a sua volta, si riflette sul corretto funzionamento degli organi.

Ma non solo!

Gli yogi accompagnano spesso a questo esercizio alcune tecniche di respirazione mirate ad aumentare la capacità polmonare.

Infatti una respirazione corretta, eseguita contemporaneamente al movimento, si riflette sul funzionamento delle cellule favorendo il rilassamento del sistema nervoso. La riduzione dello stress agisce a sua volta sull’intestino, alleviando i sintomi del colon irritabile.

Persone di mezza età

Possiamo riscontrare due particolari vantaggi che saltano all’occhio per il miglioramento dello stile di vita in questa fascia di popolazione:

  1. regolazione del flusso sanguigno
  2. funzioni fisiche e respiratorie

Nel primo caso, il movimento e lo “svuotamento” dell’addome ottenuti con la pratica favoriscono una corretta circolazione che, a sua volta, determina lo scambio di sangue tra gli organi e i tessuti. Questo si traduce in un maggior apporto di ossigeno al cuore e al cervello, mantenendo il nostro organismo in ottima salute.

Nel secondo caso abbiamo invece la testimonianza di uno studio svolto su un gruppo di persone per una durata di otto settimane.

Durante questo lasso di tempo è emerso come l’adozione delle tecniche di pranayama (di cui uddiyana bandha fa parte), insieme ad alcuni esercizi specifici, hanno favorito un generale miglioramento delle funzioni respiratorie, insieme a una maggior flessibilità e resistenza corporea.

Ecco spiegato il motivo per cui si ritiene che questa particolare tecnica faccia tornare giovani!

Conclusione

La pratica Uddiyana bandha è utile sia a rafforzare il nostro tono muscolare, sia ad alleviare una serie di disagi tra cui i dolori di una postura scorretta o una digestione lenta, legata alla presenza del colon irritabile.

Gli yogi ci mostrano come l’adozione di alcune posture e tecniche di respirazione, se praticate regolarmente, risultino una soluzione più efficace rispetto al sollievo temporaneo dato dai medicinali.

Ricorda che Uddiyana bandha può essere abbinata ad altre tecniche del Pranayama o completata con l’esecuzione degli altri bandha di cui ti abbiamo accennato.

Non potrai che trarne sollievo!

Hai trovato questo articolo utile?