Olio di cocco: scopri i numerosi benefici ed utilizzi di questo ingrediente

Non solo alimentare: fa bene alla nostra pelle? A chi è consigliato? Scopriamo i suoi benefici!

Aggiornato il

Ricercato e scritto da

Revisione medica di

olio di cocco(2)
olio di cocco(2)
Indice

Spesso utilizzato in cucina, l’olio di cocco, con una profumazione irresistibile e una consistenza ricca e oleosa, è ormai entrato a far parte a tutti gli effetti della nostra beauty routine.

Idratante, antibatterico e esfoliante: questi sono solo alcuni dei suoi numerosi benefici che lo rendono un ingrediente versatile e che ritroviamo in numerosi cosmetici.

Ma il vero quesito è: fa bene alla nostra pelle?

E soprattutto, può essere utilizzato da tutti?

Se da un lato l’olio di cocco trattiene l’idratazione e migliora l’aspetto del nostro viso, dall’altro, essendo comedogenico e particolarmente saturato, potrebbe ostruire i pori e peggiorare alcune problematiche legate a un’eccessiva produzione di sebo – l’acne, per esempio.

Per questo motivo, abbiamo pensato che una guida sulla sua composizione e i suoi utilizzi possa aiutarti a capire se l’olio di cocco è ciò che fa per te.

Scopriamolo insieme!

Flash info: Olio di cocco

Tipo di ingrediente: Emolliente/occlusivo

Principali benefici: Trattiene l’idratazione nella pelle; ha proprietà antibatteriche, grazie alla presenza dell’acido laurico; ha un forte potere emolliente e la sua consistenza oleosa lo rende perfetto per essere usato come struccante, per degli scrub fai da te e per nutrire corpo, viso e capelli.

Quando utilizzarlo: In caso di pelle secca o infiammata

Da evitare: Se hai la pelle grassa

Contenuto in: Numerosi prodotti cosmetici e molti prodotti alimentari

Frequenza di utilizzo: Quotidiana, meglio la sera e dopo la doccia

Cos’è l’olio di cocco?

Ricavato dalla polpa della noce di cocco, possiamo ritrovare questo ingrediente in due versioni:

  • Vergine, ricavato dalla polpa cruda ed estratto a freddo;
  • Raffinato, ottenuto dalla polpa essiccata e sottoposto ad alte temperature.

Gli esperti, specie per quanto riguarda la beauty routine, consigliano l’utilizzo dell’olio vergine, poiché dotato di un maggior apporto di nutrienti ed ha un sapore ed odore migliori rispetto a quello raffinato, che tende a perdere alcune proprietà nel processo di estrazione a causa dei chimici utilizzati.

Uno dei principali impieghi dell’olio di cocco è legato alle sue proprietà emollienti. Esso è infatti dotato di un mix di acidi grassi, principalmente acidi grassi saturi (90%) quali acido laurico e l’acido miristico e acidi grassi insaturi, tra cui l’acido oleico e linoleico.

Grazie alla sua composizione permette di trattenere l’acqua già presente nel nostro viso e di riparare la barriera protettiva della pelle, rivelandosi un’ottima soluzione per pelle secca, sensibile e soggetta a dermatite.

Inoltre, la presenza dell’acido laurico rende questo ingrediente un ottimo antibatterico, contribuendo a uccidere i batteri che si depositano sulla superficie della pelle e a ridurre l’infiammazione. Anche l’acido miristico agisce come anti-infiammatorio, oltre che avere proprietà eumlsionanti ed opacizzanti.

L’olio di cocco è in realtà solido ma si scioglie molto facilmente non appena entra in contatto con la pelle. Se desideri usarlo subito dopo la doccia, puoi anche tenerlo con te nel box-doccia: col calore si scioglierà e sarà pronto all’uso.

Quali sono i suoi benefici?

Grazie alla sua composizione, l’olio di cocco si presta a numerosi utilizzi e possiede una serie di benefici, sia per il viso che per il corpo: vediamone alcuni.

1. Antibatterico

Come accennato di sopra, l’olio di cocco contiene un’alta percentuale di acido laurico, dotato di proprietà antibatteriche e quindi in grado di preservare la nostra pelle da aggressioni esterne.

Tra le varie tipologie di acidi grassi, uno studio ha rivelato come l’acido laurico risulti il più efficace nel combattere le aggressioni da parte dei batteri.

Inoltre, un altro studio ha confrontato l’efficacia dell’olio di cocco con il perossido di benzoile (BPO) nella lotta contro il Propionibacterium acnes (il batterio che causa l’acne) e i risultati hanno dimostrato una riduzione significativa di questo batterio con un’efficacia superiore a quella del BPO, il che indica un potenziale utilizzo nel trattamento dell’acne vulgaris, in quanto è anche più sicuro del BPO poiché non è citotossico per gli esseri umani.

Tuttavia, si consiglia di fare attenzione e di applicare l’olio di cocco in un certo modo se si soffre di acne e si vuole usare l’olio di cocco per evitare di ostruire i pori e peggiorare la condizione.

2. Emolliente

Contrariamente alla credenza comune, il potere emolliente dell’olio di cocco non è determinato dalla sua penetrazione in profondità nella pelle, bensì dalla capacità di trattenere l’acqua già presente al suo interno.

Esso infatti tende a depositarsi principalmente sullo strato più superficiale, contribuendo a riparare la barriera protettiva della pelle e a proteggere quest’ultima da ogni tipo di aggressione esterna, tra cui batteri e agenti atmosferici.

Per questo motivo, gli esperti consigliano di servirsi dell’olio di cocco come ultimo step nella nostra skincare, al fine di sigillare gli altri prodotti precedentemente utilizzati – quali tonico, siero e crema.

Uno studio dimostra come l’olio di cocco abbia un potere idratante pari a quello degli oli minerali generalmente utilizzati nel trattamento della pelle secca.

3. Struccante

Tra i suoi tanti utilizzi e benefici, l’olio di cocco è il prodotto ideale per la rimozione del trucco grazie alla sua consistenza oleosa, in grado sia di pulire a fondo la pelle, sia di agire come antibatterico e antifungino.

Ti basterà mettere qualche goccia su un dischetto di cotone e applicarlo sul viso, per poi risciacquare con acqua abbondante e un detergente delicato, al fine di evitare l’occlusione dei pori.

4. Esfoliante

Non solo antibatterico e struccante: l’olio di cocco si rivela anche un ottimo esfoliante, in grado di rimuovere con un solo gesto le cellule morte facendo apparire la pelle più liscia e morbida al tatto.

Per ottenere il tuo esfoliante viso, ti basterà unire qualche cucchiaino di zucchero all’olio di cocco, per poi massaggiarlo delicatamente sulla pelle e risciacquarlo abbondantemente con acqua.

5. Antinfiammatorio

Psoriasi, dermatite ed eczema sono le malattie infiammatorie della pelle più frequenti: alcuni studi effettuati in provetta hanno dimostrato come l’olio di cocco sia in grado di ridurre e tenere sotto controllo l’infiammazione che causa queste problematiche.

Un altro studio clinico ha esaminato l’effetto dell’olio di cocco vergine sulla dermatite atopica nei bambini, riportando un miglioramento significativo della condizione dopo l’uso per 8 settimane, con risultati altamente superiori a quelli della formula a base di olio minerale.

A chi è sconsigliato?

Non essendo presenti particolari effetti collaterali, l’olio di cocco può essere utilizzato da tutti.

Tuttavia, vi sono alcuni casi eccezionali – come coloro dotati di una pelle eccessivamente grassa – in cui è meglio evitarlo, essendo l’olio di cocco comedogenico e potenzialmente occlusivo sui pori della pelle.

Per questo motivo, gli esperti spesso consigliano l’olio come idratante o emolliente da applicare sul corpo, essendo qui la pelle meno sottile e sensibile rispetto a quella del viso.

D’altra parte, se si soffre di acne, bisogna fare attenzione, perché nonostante le sue proprietà antibatteriche e antinfiammatorie che potrebbero aiutare a trattare l’acne, essendo altamente comedogenico può ostruire i pori e peggiorare la condizione se non applicato correttamente.

Come utilizzarlo?

L’olio di cocco è un ingrediente particolarmente versatile, che troviamo sia nella sua versione pura, sia all’interno di numerosi cosmetici.

Tra le soluzioni fai da te puoi servirti dell’olio di cocco come:

Struccante occhi

La consistenza oleosa di questo ingrediente è in grado di rimuovere anche il mascara più persistente: è infatti usato come struccante da molte make-up influencer.

Versa qualche goccia su un dischetto di cotone e massaggialo delicatamente sugli occhi per poi risciacquarlo. In questo modo non solo avrai rimosso il trucco, ma la tua pelle risulterà morbida e idratata;

Scrub labbra

Grazie al suo potere idratante, l’olio di cocco è spesso utilizzato in numerosi cosmetici – il burrocacao, per esempio.

Per una soluzione fai da te, mescola insieme l’olio, qualche cucchiaino di zucchero e il miele e applicali sulle labbra: ti servirà a eliminare le cellule morte e a mantenere la zona morbida e rimpolpata.

Puoi usarlo anche come base per uno scrub corpo fai da te. Scopri tutte le ricette.

Olio corpo

Specialmente nella stagione estiva, a causa del mare e del sole, la pelle si presenta spesso secca e disidratata. Per ovviare al problema, applica l’olio di cocco vergine sul corpo dopo la doccia e massaggialo delicatamente.

Per l’acne o le sue cicatrici

Se si desidera utilizzare l’olio di cocco per trattare l’acne attiva o ridurre le cicatrici da acne, è fondamentale in questo caso seguire con precisione alcuni passaggi per ridurre al minimo il rischio di ostruire i pori, che possono fungere da terreno di coltura per i batteri e peggiorare la condizione.

Assicuratevi di utilizzare un olio di cocco bio vergine spremuto a freddo. Per l’applicazione seguire i seguenti passaggi:

  1. Rimuovere il trucco, se lo si indossa, quindi lavare il viso con acqua tiepida.
  2. Asciugare il viso con un panno di cotone morbido.
  3. Prendere una piccola quantità di olio di cocco tra le punte delle dita e strofinarlo per riscaldarlo, facendolo sciogliere.
  4. Applicare direttamente sull’acne o sulle cicatrici e massaggiare delicatamente con movimenti circolari delicati.
  5. Lasciare agire sulla pelle per circa 1 minuto.
  6. Asciugare con un batuffolo di cotone pulito e risciacquare la pelle con un detergente delicato per rimuovere eventuali residui.

Maschera idratante per capelli

Unisci tre cucchiai di olio di cocco vergine insieme a 20 gocce di olio di rosmarino e applica il composto sui capelli. Indossa una cuffia e lascia riposare la maschera per 30-60 minuti, per poi risciacquarla;

Essendo ricco e oleoso, l’olio di cocco può rischiare di appesantire i capelli: per questo motivo, evita di applicarlo sulle radici e limitati alle lunghezze.

3 prodotti a base di olio di cocco

Equilibra – Olio di cocco corpo e capelli 250 ml (ca. 15€)

Emolliente e di origine naturale, questo prodotto a base di olio di cocco può essere utilizzato sia sul corpo che sui capelli, contribuendo a levigare la pelle e a rinvigorire la chioma, specie se si presenta secca e sfibrata.

Naturalebio – Olio di cocco biologico vergine (1 Litro) (ca. 17€)

Ideale per qualsiasi utilizzo – sia cosmetico che alimentare – quest’olio di cocco spremuto a freddo si presenta naturale, vergine e ricco di nutrienti, oltre a poter essere acquistato a un prezzo accessibile.

Palmer's – Balsamo labbra con olio di cocco (ca. 9€)

Naturale e privo di parabeni, questo balsamo labbra a base di olio di cocco è l’ideale per chi soffre di labbra screpolate e cerca un prodotto a lunga tenuta. La sua formula è inoltre arricchita dalla vitamina E, dotata di proprietà antiossidanti.

L’olio di cocco non possiede particolari effetti collaterali.

Tuttavia, nonostante le sue proprietà antibatteriche, è sconsigliato a chi ha pelle particolarmente grassa e spesso se ne sconsiglia l’uso sull’acne, perché potrebbe aggravare la problematica tramite l’ostruzione dei pori. In caso di dubbi, consulta un deramtologo, ti saprà dire se puoi usarlo o meno.

Sebbene sia raro, potrebbe verificarsi una reazione allergica in quanto alcune persone sono allergiche alle noci di cocco o ai loro derivati; se si verificano sintomi quali prurito, arrossamento, gonfiore, nausea, vomito o difficoltà respiratorie, interrompere l’uso dell’olio e rivolgersi immediatamente a un medico.

Mentre l’olio di cocco raffinato è talvolta preferito per uso alimentare, per via del suo elevato punto di fusione, per la salute della pelle gli esperti consigliano l’olio di cocco vergine e pressato a freddo, perché riesce a mantenere inalterate le sue proprietà ed è dunque dotato di un maggior numero di nutrienti.

Sì, l’olio di cocco è un ottimo disciplinante, specie nei confronti dei capelli secchi e crespi.

Tuttavia, al fine di evitare di appesantire la chioma, è sempre meglio applicarlo solo sulle lunghezze.

Conclusione

Che sia per uso alimentare o per completare la tua beauty routine, l’olio di cocco è tra i migliori ingredienti naturali per la salute dell’organismo.

Grazie alla sua composizione ricca di acidi grassi, questo prodotto non è solo idratante, ma anche antibatterico, anti-infiammatorio, lenitivo ed esfoliante.

Se scegli di acquistare la sua versione pura, puoi optare per una serie di miscele fai da te – per il corpo, per il viso o i capelli – o, in alternativa, puoi sempre optare per un cosmetico specifico che contenga l’olio di cocco come ingrediente principale.

Hai trovato questo articolo utile?

  • Umate, Nishigandha & Parwe, Shweta & Kuchewar, Vaishali (2022), A narrative review on use of virgin coconut oil in dermatology
    https://www.researchgate.net/publication/361588971
  • Dermatologytimes.com (2016), The surprising benefits of coconut oil in skin therapy
    https://www.dermatologytimes.com/view/surprising-benefits-coconut-oil-skin-therapy
  • Kabara JJ, Swieczkowski DM, Conley AJ, Truant JP. (1972), Fatty acids and derivatives as antimicrobial agents
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC444260/
  • Soo Young Kim, Jong Ok Im, In-Sook An, Sungkwan An, Kyu Joong Ahn (2014), The Effect of Coconut Oil on the Skin Barrier Function
    https://www.e-ajbc.org/journal/view.php?number=793
  • Agero AL, Verallo-Rowell VM. (2004), A randomized double-blind controlled trial comparing extra virgin coconut oil with mineral oil as a moisturizer for mild to moderate xerosis
    https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15724344/
  • Sandeep R. Varma, Thiyagarajan O. Sivaprakasam, Ilavarasu Arumugam, N. Dilip, M. Raghuraman, K.B. Pavan, Mohammed Rafiq, Rangesh Paramesh, (2019), In vitro anti-inflammatory and skin protective properties of Virgin coconut oil
    https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2225411017300871
  • M. T. P. Evangelista et Al. (2014). The effect of topical virgin coconut oil on SCORAD index […]
    DOI: 10.1111/ijd.12339

  • Vytis Čižinauskas et Al. (2017). Skin Penetration Enhancement by Natural Oils for Dihydroquercetin Delivery
    doi: 10.3390/molecules22091536