Sbiancamento dei denti: i rimedi naturali funzionano?

I trattamenti professionali per sbiancare i denti ti spaventano o non sono alla portata delle tue tasche? Vediamo insieme 9 alternative che ci offre la natura!

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali funzionano
INDICE

Non tutti hanno la voglia o la disponibilità economica per sottoporsi ad un trattamento di sbiancamento dei denti professionale, quindi si vuole optare per un metodo alternativo, con ingredienti che si possono trovare nella propria casa. Chiunque prima o poi si ritrova con qualche macchia sui denti, un po’ per il fumo di sigaretta, per il caffè o per il vino, ma grazie a questi piccoli aiuti casalinghi è possibile risolvere in parte il problema. Vediamo insieme di cosa si tratta e se funziona.

L’uomo ha iniziato a cercare un a cura per pulire i denti sin dai tempi remoti, iniziando con prodotti rudimentali che simulavano lo spazzolino, ma che oggi non bastano più.

Ormai i denti, anche se leggermente gialli o macchiati, non ci piacciono più e vogliamo sempre più un sorriso perfetto, luminoso e bianco. Quindi si è sempre alla ricerca di una formula magica che ci faccia sbiancare lo smalto in breve tempo.

Ovviamente un primo passo per evitare che i denti si macchino considerevolmente è quello di evitare il consumo eccessivo di cioccolato, fumo e caffè, i maggiori portatori di macchie. In secondo luogo, un buon inizio è quello di lavare accuratamente i denti dopo l’assunzione di questi alimenti, strofinando ed usando un collutorio.
Nonostante le molteplici precauzioni e l’eliminazione degli agenti macchianti, molto spesso lo smalto è caratterizzato ad ingiallimento e macchie sulla superficie dentale, proprio per questo è utile provare, prima di utilizzare ingredienti chimici, elementi casalinghi e rimedi fai-da-te che si possono trovare ovunque.

Nonostante esistano al giorno d’oggi soluzioni rapide e sicure per sbiancare i denti come ad esempio penne sbiancanti, strisce sbiancanti e kit sbiancanti con luce LED, alcuni di voi potrebbero preferire i rimedi “old-style” della nonna, basati interamente su ingredienti naturali reperibili al supermercato o in erboristeria.

Qui di seguito vedremo dunque quali ingredienti sono più efficaci di altri per il trattamento e lo sbiancamento dei denti, analizzandone le proprietà e i benefici.

Ingredienti naturali

I rimedi naturali per sbiancare i denti sono molto diversi tra loro, alcuni sono più aggressivi quindi bisogna usarli con cautela perché potrebbero rovinare lo smalto dei denti, mentre altri sono più delicati e quindi meno nocivi per i denti.

Molto spesso gli ingredienti naturali vengono visti come rimedi inefficaci e blandi, ma se usati con poca cautela possono essere pericolosi quanto quelli chimici. Quindi prima di ogni utilizzo dovrai assicurati delle loro proprietà e di tutti i possibili rischi.

Tutti conoscono l’effetto “miracoloso” del bicarbonato di sodio sulle macchie, ma pochi conoscono i suoi effetti collaterali. Infatti questo ingrediente apparentemente innocuo se usato con poca cautela e superficialità può provocare danni al cavo orale come ipersensibilità dentale, infiammazioni gengivali e alterazione della flora batterica all’interno della bocca.

Vediamo dunque insieme tutti i rimedi naturali, più o meno forti, che possiamo sfruttare per migliorare l’aspetto dei nostri denti.

1. Salvia

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Salvia

E’ considerata un rimedio antico utilizzato per ottenere un alito fresco e denti bianchi. Si può utilizzare in diversi modi, quello più comune riguarda lo sfregamento delle foglie direttamente sulla superficie dei denti. Oppure si potrebbe creare un dentifricio casalingo inserendo come ingrediente principale la salvia.

Vantaggi e svantaggi

La salvia ha numerosi vantaggi: è in grado di rimuovere ogni tipo di macchia presente su dente, ma solo dalla sua superficie, non riesce ad entrare in profondità. Attraverso un’azione abrasiva è possibile sbiancare in modo naturale lo smalto dentale e inoltre regalando un alito sempre fresco. La salvia funge anche da antibatterico, quindi ogni volta che verrà usata eliminerà i batteri che possono causare infiammazioni o infezioni.
Bisogna però farne un uso moderato, basta un applicazione di massimo due volte a settimana. Un uso frequente può cause un aumento della sensibilità della superficie dentale.

2. Buccia d’arancia

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Buccia d’arancia

Come altri agrumi la buccia d’arancia ha una funzione sbiancante, in modo semplice. Basterà strofinare la buccia sulla superficie dentale.

Vantaggi e svantaggi

La buccia d’arancia regala un effetto sbiancante efficace e duraturo, proprio come il limone. Ma su una dentatura già sensibile è meglio non esagerare, perché la buccia di arancia potrebbe accentuare il fastidio a causa della sua acidità.

3. Limone

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Limone

Per quanto riguarda il limone è possibile usare sia il succo che la buccia. Tra gli sbiancanti naturali è quello più indicato per eliminare le macchie sui denti, soprattutto quelle del tabacco o fumo da sigaretta.
La buccia, come anche il succo, può essere usata sfregando il composto direttamente sulla superficie dentale. Ma può essere anche utilizzato aggiungendo il succo ad un dentifricio o ad un composto realizzato in casa.

Vantaggi e svantaggi

Il limone è ottimo per sbiancare i denti, uno tra i migliori elementi naturali, ma usarlo in modo eccessivo può danneggiare i denti, a causa della sua acidità deleteria per lo smalto. Infatti, dopo aver usato sia il succo che la buccia è consigliato risciacquare il cavo orale con molta acqua tiepida.

4. Radice di Araak

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Radice di Arak

La radice dell’albero di Araak è definita anche Salvadora persica, usta già dagli antichi per l’igiene orale, soprattutto da babilonesi e egizi. Le sue proprietà sono molteplici e in questo caso le sue sostanze come vitamina C, il silicio e i floruri, rendono la radice un efficace antibatterico oltre che un efficace sbiancante. Per avere effetto la radice deve essere sfregata energicamente sui denti. La radice di Araak è facile da reperire, acquistabile in erboristeria o in negozi specializzati sotto diverse forme.

Vantaggi e svantaggi

Come già detto uno dei vantaggi principali è la sua azione antisettica, che protegge i denti da eventuali batteri e infiammazioni. Inoltre, è uno sbiancante naturale eccellente perché riesce ad eliminare anche le macchi più ostinate portate da alcuni alimenti. Ma si raccomanda di usarlo con parsimonia perché la radice di Araak potrebbe indebolire lo smalto e avere un’azione abrasiva. Inoltre, usarla in modo eccessivo può portare ad un’estrema sensibilità dentale.

5. Cenere di legno di noce

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Cenere di legno di noce

Anche questo sbiancante naturale è usato da secoli come rimedio naturale contro le macchie dei denti. La sua azione efficace è dovuta ad una sostanza che si trova nella cenere, l’idrossido di potassio. Oltre ad usare la cenere direttamente sui denti per ottenere un ottimo risultato, basterà anche sfregare, sempre sulla superficie dentale, la corteccia dell’albero di noce. Ovviamente come tutti gli altri sbiancanti naturali deve essere usato senza esagerare.

Vantaggi e svantaggi

Il suo effetto sbiancante lo rende tra i rimedi naturali più vantaggiosi. Ma se viene utilizzata troppa cenere l’effetto potrebbe essere alquanto fastidioso, un uso prolungato ed eccessivo potrebbe provocare bruciore alla bocca.

6. Acqua ossigenata

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Acqua ossigenata

E’ l’elemento sbiancante per eccellenza, che va comunque utilizzata con attenzione e senza esagerare. Un prodotto con all’interno il 3% di acqua ossigenata può essere usato in modo occasionale per sbiancare i denti in modo naturale. Inoltre, si può creare un dentifricio casalingo inserendo due cucchiaini di acqua ossigenata e uno di bicarbonato di sodio, anche questo da utilizzare con cautela.

Vantaggi e Svantaggi

L’acqua ossigenata ha un effetto sbiancante eccezionale, rimuove le macchie più persistenti dalla superficie dentale. Ma bisogna stare molto attenti a non ingerire l’acqua ossigenata, perché potrebbe portare seri effetti collaterali. Proprio per questo è consigliato sciacquare il cavo orale con acqua tiepida dopo ogni trattamento.

7. Sedano, uva passata, carote e mele

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Sedano, uva passata, carote e mele

I quattro elementi in questioni sono utili per lo sbiancamento dei denti e per eliminare macchie provenienti da cibo, perché le loro proprietà incrementano l’aumento di saliva. Quest’ultima è un ottimo elemento che fornisce al cavo orale pulizia continua, proprio perché ha un meccanismo autopulente e antibatterico. Inoltre, la mela possiede un ingrediente che favorisce efficacemente uno sbiancamento intenso, grazie all’acido malico.

Vantaggi e svantaggi

Sedano, uva passata, carote e mele hanno un ottimo effetto sbiancante, ma non solo. Possiedono una funzione antibatterica e infatti, eliminano tutti i batteri che provocano l’alitosi, regalando un alito fresco dopo ogni utilizzo.
Con l’utilizzo di questi alimento non sono stati registrati alcuni effetti collaterali o rischi di alcun genere.

8. Bicarbonato di sodio

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Bicarbonato di sodio

Come abbiamo detto poco prima, il bicarbonato di sodio, è uno dei rimedi contro macchie e ingiallimento dei denti più conosciuto all’interno delle case. Il suo effetto sulla superficie dentale è dato dall’azione abrasiva esercitata dopo aver applicato il bicarbonato. L’utilizzo più indicato è realizzabile facilmente, basta mischiare qualche goccia d’acqua insieme al bicarbonato, così da avere una specie di pasta dentifricia da applicare sui denti. Questo elemento naturale è uno dei più riconosciuti, infatti è utilizzato in molti prodotti in commercio. Favorisce in poco tempo un effetto sbiancante efficace e duraturo.

Vantaggi e svantaggi

I vantaggi del bicarbonato di sodio sono diversi, i più importanti e riconosciuti sono lo sbiancamento efficace dei denti macchiati e inoltre, la sua applicazione regala un sorriso sano e lucido. Lavorando attraverso la sua azione abrasiva è buona norma sciacquare il cavo orale dopo ogni utilizzo, senza ingoiare il bicarbonato. Anche per questo è sconsigliato un utilizzo prolungato nel tempo, perché potrebbe creare danni allo smalto dei denti. Per non mettere a rischio la salute dell’intero cavo orale è meglio usare il bicarbonato solo in piccole quantità. Infine, rispetto agli altri ingredienti naturali elencati finora, il gusto del bicarbonato di sodio è quello meno gradevole. Un uso prolungato di questo elemento potrebbe causare un’alterazione della flora batterica del cavo orale e portare all’aumento di ipersensibilità dentale. Chi possiede cemento e dentina non dovrebbe far uso del bicarbonato di sodio perché potrebbe deteriorarli.

9. Acido malico

Sbiancamento dei denti i rimedi naturali Acido malico

E’ un elemento contenuto nella frutta, un alfa-idrossiacido, che si trova spesso nelle fragole e nelle mele. Un ottimo utilizzo dell’ingrediente naturale è quello di sfregare i frutti direttamente sullo smalto oppure basta tritarli e creare una vera e propria pasta da applicare direttamente sui denti. Per assicura un effetto efficace dovrai lasciare la pasta sui denti per almeno cinque minuti e non di più. Solo in questo modo si avrà uno sbiancamento naturale efficace. Un ulteriore metodo è quello di utilizzare il succo di mele verdi come vero e proprio collutorio naturale.

Vantaggi e svantaggi

L’effetto dell’acido malico dona allo smalto dentale luminosità e un sorriso bianco. Però questo elemento se usato in modo eccessivo potrebbe danneggiare i denti. Infatti il suo uso è consigliato per non più di due volte alla settimana.